Press "Enter" to skip to content

Sfida formativa alla Asl di Nuoro: tutto il personale amministrativo si mette al passo con le nuove norme, in nome dell’efficienza e del risparmio

E’ una vera e propria scommessa quella intrapresa dall'Azienda Sanitaria di Nuoro:  coinvolgere ogni dipendente del ruolo amministrativo nel più vasto e articolato progetto formativo per lo sviluppo delle competenze tecnico-specialistiche nell’ambito del sistema amministrativo-contabile.

L'intero percorso, recentemente deliberato, è stato preceduto da una fase di studio e di elaborazione, nonché di scelta accurata della partnership più vantaggiosa per l'organizzazione di un progetto di tale portata.

L’Azienda Sanitaria di Nuoro ha ritenuto la proposta della società multinazionale KPMG più congeniale alle esigenze aziendali.

La KPMG è un network globale di società di servizi professionali, che opera a livello internazionale in attività di revisione e organizzazione contabile, di business advisory, servizi fiscali e legali.

«Il progetto – spiega l'Avvocato Mario Giovanni Altana, Direttore Amministrativo dell'ASL di Nuoro – rappresenta una delle priorità della Direzione Aziendale. La formazione del personale è, infatti, un investimento produttivo per l’Azienda, il cui fine è raggiungere livelli di efficienza e qualità anche se con risorse limitate. Questo piano formativo, in particolare, che interesserà la totalità dei dipendenti del Ruolo Amministrativo, ossia i servizi Bilancio, Personale-Risorse Umane, Provveditorato-Risorse Materiali, Tecnico-logistico, Formazione,

Tesorerie, Casse CUP, Affari Generali e Legali (contenziosi e contrattualistica), Programmazione e Controllo di Gestione, comporterà uno snellimento delle procedure amministrative con un conseguente miglioramento dei rapporti “Operatori-utenti”.».

La formazione è articolata in due fasi: la prima comprende lezioni in aula, frontali e interattive, e si alternerà ad una seconda fase, costituita dal cosiddetto “Training on the job”, che prevede assistenza e affiancamento dell'operatore, indispensabili nel momento in cui potrebbero presentarsi eventuali criticità.

«È un progetto ambizioso – aggiunge il Direttore Generale, Dottor Antonio Maria Soru –  ma rappresenta un atto dovuto nei confronti di Dirigenti e Operatori dei vari servizi amministrativi, che avranno così l'opportunità aggiornarsi in loco, di stare al passo con l'evoluzione costante della normativa, e consentirà alla ASL di produrre risparmi non indifferenti».