Press "Enter" to skip to content

Sanità, assessore De Francisci inaugura nuovo centro dialisi ospedale 0ristano

Oristano punta a diventare un polo strategico e baricentrico in Sardegna per diverse specialità sanitarie. Oggi si è aggiunto un nuovo tassello verso questa direzione, con l’inaugurazione del nuovo Centro dialisi all’ospedale San Martino da parte dell’assessore regionale, Simona De Francisci, in visita ufficiale nella città. Oltre all’assessore, accompagnata dai manager dell’Asl 5 (direttore generale, sanitario e amministrativo) e dai medici primari dei reparti interessati, erano presenti il prefetto, il sindaco e i consiglieri regionali del territorio.

Il neo Centro dialisi può contare su 16 posti letto accreditati, mentre entro il 2013, con l’ultimazione dei lavori di ristrutturazione del primo piano, si prevede un  aumento fino a 24 posti letto (oltre al day hospital di Nefrologia). Nel corso del suo sopralluogo l’assessore ha visitato inoltre il nuovo corpo Dea (Dipartimento di emergenza urgenza e accettazione) dove saranno trasferiti entro l’anno i reparti di Pronto soccorso, Anestesia e rianimazione, cinque sale operatorie e Radiologia. Quest’ultimo in particolare è dotato di apparecchiature all’avanguardia che ne faranno una delle Unità radiologiche più avanzate tra quelle della Sardegna. È già operativo invece il nuovo Corpo M, con i reparti di Medicina e Psichiatria.

“Le strutture che ho avuto modo di vedere oggi – ha detto l’assessore De Francisci – attestano come non sia vero che tutta la sanità sarda è disastrata e anzi possono aspirare a far diventare questa Azienda come punto di riferimento per diverse specialità. Certo, c’è ancora tanto, tantissimo da fare ma il lavoro, la professionalità e l’aspetto umano di dirigenti, medici e infermieri, uniti alla soddisfazione dei pazienti dimostrano come si sia imboccata la strada giusta anche in un’Azienda sanitaria, quella di Oristano, che punta a offrire servizi di eccellenza senza costringere più i cittadini di questa provincia a trasferte onerose e disagevoli”.

Non solo Oristano città, però. Il rinnovamento dell’offerta di servizi di qualità e diffusi interessa anche le altre strutture sanitarie di competenza della Asl 5, come i presìdi di Bosa e Ghilarza. “Su Bosa – ha aggiunto De Francisci – è in stato avanzato il progetto di Nefrologia. In ogni caso, la Giunta sta lavorando a una sua proposta , che poi verrà sottoposta al Consiglio regionale, per rilanciare gli ospedali di provincia senza smantellarli, nonostante siano allo studio, da parte del Governo con la revisione della spesa, direttive rigide sul loro mantenimento”