Press "Enter" to skip to content

Pesca illegale – la guardia di finanza sequestra reti da posta nell’area marina protetta di Capo Carbonara (Villasimius).

Continua l’incessante attività del Reparto OperativoAeronavale della Guardia di Finanza di Cagliari nel contrasto alla pescaillegale.

Quest’oggi, la vedetta “V. 2074” della Stazione Navale diCagliari, rischierata a Villasimius durante la stagione estiva, ha intercettatoe sequestrato, nell’area marina protetta di Capo Carbonara (Villasimius), una reteda posta tipo tramaglio di oltre 300 metri e una rete da posta tipo giapponesedi oltre 100 metri.

Entrambe le reti sono state calate in mare da ignotipescatori abusivi e presumibilmente alle prime luci dell’alba, senzaappropriati segnali galleggianti ed in posizione di pericolo sia per leimbarcazioni in transito che per la fauna ittica che inesorabilmente rimane intrappolatanell’enorme barriera trasparente.

I finanzieri hanno così provveduto a salpare le reti sullamotovedetta, a liberare in mare tutti gli esemplari dei pesci ancora vivi e aredigere i verbali di sequestro contro ignoti.

In altre recenti occasioni - come specifica il Ten. Col.Vitrone, Comandante della Stazione Navale di Cagliari - alcuni pescatoriabusivi colti sul fatto, hanno tentato di negare le proprie responsabilitàadducendo ad altri la proprietà dei mezzi da pesca calati nello specchio acqueoproibito.

L’attività operativa del Roan proseguirà senza sosta intutto il mare territoriale della Sardegna con i mezzi navali e con le pattugliea terra nella corrispondente fascia costiera, allo scopo di preservarel’ecosistema marino, danneggiato dalla pesca abusiva sotto costa, a tuteladella salute pubblica e delle attività legate alla pesca professionale.