A Bitti, domenica prossima riaprono le ‘Cortes de Natale’. Poi capodanno in piazza con musiche e balli del Sud Italia

Programma Cortes e Capodanno 2019

Bitti (Nu), 27 Dic 2019 – Mancano pochi giorni all’apertura delle ‘Cortes de Natale’ a Bitti, l’appuntamento che ogni anno tra il 26 e il 30 dicembre richiama nel centro barbaricino numerosi turisti provenienti da tutta la Sardegna. L’appuntamento, calato in una straordinaria atmosfera natalizia, è per domenica 29 dicembre, a partire dalle ore 10, quando le case del centro storico spalancheranno le porte ai tanti visitatori attesi per una rassegna straordinaria che giunge dopo il grande successo registrato anche nell’ultima edizione di ‘Autunno in Barbagia’.

Come da programma, – si legge in un comunicato diffuso nel pomeriggio di oggi – non mancheranno i percorsi enogastronomici tra i prodotti tipici del territorio: dalle carni ai salumi, dai pecorini al pane carasatu e alle produzioni artigianali della pasta fresca. Alle ore 11:30 inizieranno ad esibirsi i gruppi locali di canto a tenore, che intratterranno gli ospiti in più punti del paese. Di pomeriggio, con inizio alle ore 15, è prevista una rassegna di organetto, costumi e balli sardi. Alle 17 il via alla musica itinerante per le vie del centro storico, mentre per tutta la giornata saranno visitabili il Museo della Civiltà Contadina e Pastorale e quello del Canto a Tenore, il sito archeologico di Romanzesu e il parco dei dinosauri BittiRex.

Il 30 dicembre – continua la nota – sarà la tradizione, quella più legata all’antico rito religioso del Natale, a caratterizzare il programma previsto per la giornata. L’appuntamento è alle 18,30 nella chiesa parrocchiale di San Giorgio Martire con la seconda edizione di ‘Cantanne su Nenneddu’, a cura del Coro Santu Jorgi.

Bitti, – conclude la nota – quest’anno, sarà l’unico Comune della Barbagia, se si esclude il capoluogo di provincia, a proporre un evento pubblico in piazza in occasione della serata di Capodanno. Il 31 mattina sono previsti spettacoli di animazione per le vie del paese. Ma a ravvivare le strade e i viottoli di Bitti saranno soprattutto i più piccoli che, dall’alba, rinnoveranno la tradizione de ‘S’Arina càpute’, bussando casa per casa per raccogliere dai compaesani, come buon auspicio per il nuovo anno, le offerte in cibo o denaro. Una antica ricorrenza che affonda le proprie origini nella notte dei tempi e che in altre località della Sardegna viene rinnovata in occasione della festa di Tutti i Santi. Di sera, alle 19, appuntamento con un altro rito della più antica tradizione bittese: ‘Sas Bullustrinas’, vale a dire il lancio di monete, in segno di buon augurio che farà e benedirà il parroco del paese, dal balcone della Casa parrocchiale, per la gioia di grandi e piccini. Alle 20:30 il cenone di San Silvestro nelle strutture ricettive dell’abitato e del territorio e nella centralissima piazza Asproni, dove sarà possibile degustare le pietanze della tradizione locale. Alle 22:30 spazio alla musica etnopopolare con i ritmi e le danze del Sud Italia: in piazza si esibiranno, infatti, gli Etnikàntaro (Puglia) e i Terraemares (Campania), che accompagneranno tutti sino al brindisi di mezzanotte e a quelli successivi del 2020. A condurre la serata sarà Ottavio Nieddu. Red-com

Condividi su...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com