Press "Enter" to skip to content

Migranti: 50 dispersi in Calabria, 10 morti a sud di Lampedusa.

Lampedusa, 17 Giu 2024 - Sarebbero almeno 50 i migranti dispersi a causa del ribaltamento, a circa cento miglia dalla costa della Calabria, della barca a vela sulla quale viaggiavano. In soccorso dell'imbarcazione è giunto un mercantile che ha trasferito successivamente i 12 migranti superstiti su un'unità della Guardia costiera che è poi approdata a Roccella Ionica. In porto è arrivato anche il cadavere di una donna morta dopo essere finita in mare. Sono state attivate adesso le ricerche delle persone disperse, ma, al momento, non ne è stata recuperata nessuna. 

I migranti che viaggiavano a bordo dell'imbarcazione erano partiti nei giorni scorsi da un porto della Turchia. Tra le 12 persone giunte a Roccella Ionica c'è anche una donna in stato di gravidanza. Di quanto è accaduto è stata informata la Procura della Repubblica di Locri, che sta coordinando l'attività investigativa. Si tratta di persone di nazionalità irachena, siriana e iraniana.

Come continuano gli sbarchi a Lampedusa: 173 migranti sono arrivati nella notte su tre imbarcazioni. A soccorrerli le motovedette di Guardia di finanza e Guardia costiera. Sulla prima, c'erano 103 persone, fra cui 3 minori, di nazionalità bengalese, sudanese, siriana ed egiziana. Ai soccorritori hanno detto di essere partiti dal porto di Zawia, in Libia. 

Ancora morte nel Mediterraneo centrale, al largo di Lampedusa. Dieci cadaveri sono stati trovati nella pancia di una barca in legno; migranti forse soffocati e uccisi dai fumi del carburante. A bordo complessivamente - spiega la ong Resqship - c'erano 61 persone: 51 sono state portate via, due delle quali privi di sensi: altre 10 sono state trovate senza vita nella parte inferiore dello scafo. Il team è intervenuto anche con un'ascia per accedere all'interno del barcone. Il veliero Nadir di Resqship era a oltre 100 miglia dalle coste libiche, in acque internazionali a poco più di 40 miglia da Lampedusa, nei pressi dell'area Sar maltese. Il giorno prima aveva raccolto una segnalazione relativa a un altro barcone in pericolo, lanciata da Alarm Phone: a bordo c'erano 62 persone poi affidate alla guardia costiera. Nadir ha dunque continuato a monitorare il mare fino alla tragica scoperta del natante con i 10 morti. 

Comments are closed.