Press "Enter" to skip to content

Il nazi-fascista premier Netanyahu nonostante l’Onu e i richiami degli Usa non ferma la guerra. Infatti Israele bombarda 60 volte in 24 ore, 12 uccisi in un campo profughi.

Gaza, 27 Mar 2024 – Gli Usa sempre più lontani, fino ad abbandonare totalmente il premier israeliano, che con la guerra cerca di rimanere al comando per evitare la sua fine politica e finire in carcere per le probabili condanne che lo attendono. Quindi, come il titolo del film di Alberto Sordi, che diceva: Finché c’è guerra c’è speranza! Netanyahu, si incatena alla guerra per non perdere il potere che presto, purtroppo per lui, finirà.

Nel frattempo il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant, in visita negli Stati Uniti, ha detto che né Israele né Hamas governeranno la Striscia di Gaza dopo la fine della guerra e che dovrà essere costruita un'alternativa locale. "Ho discusso con i funzionari americani dell'importanza di mantenere il vantaggio militare qualitativo di Israele nella regione, comprese le capacità aeree e le piattaforme essenziali", ha aggiunto il ministro della Difesa.

Finora l'amministrazione Biden non è arrivata alla conclusione che Israele abbia violato le leggi internazionali di guerra, ma i processi di valutazione continuano e devono ancora produrre una valutazione definitiva. Lo ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato Usa, Matthew Miller, secondo cui l'amministrazione presenterà un rapporto al Congresso entro l'8 maggio, come parte di un memorandum sulla sicurezza nazionale che ricorda ai Paesi che ricevono armi dagli Stati Uniti di attenersi al diritto internazionale e di non bloccare le attività umanitarie.

"Questi processi per valutare la loro conformità al diritto internazionale umanitario sono in corso e non hanno raggiunto una conclusione definitiva", ha affermato Miller. La scorsa settimana Israele ha presentato rassicurazioni scritte, come richiesto dalla nota, affermando che le armi fornite dagli Stati Uniti non vengono usate per violare le leggi umanitarie a Gaza.

Almeno 12 palestinesi, compresi alcuni bambini, sono stati uccisi da un raid aereo israeliano che ha colpito una tenda piena di sfollati nel sud di Gaza. Lo riferisce il ministero della Sanità di Gaza, come riporta Al Jazeera. L'attacco è stato compiuto nella zona costiera di al-Mawasi, a ovest della città di Khan Younis.

Il capo del Pentagono Lloyd Austin, parlando all'inizio dell'incontro con il ministro della Difesa israeliano Gallant, ha detto che è un imperativo morale e strategico proteggere i civili palestinesi e che la situazione a Gaza una ''catastrofe umana'', riporta al Jazeera. 

L'esercito israeliano detiene alcune persone all'interno dell'ospedale Al-Shifa. Lo scrive Al Jazeera citando il ministero della Sanità di Gaza controllato da Hamas. Secondo le autorità della Striscia, l'esercito di Tel Aviv sta "rafforzando l’assedio" della struttura "detenendo persone nel dipartimento delle risorse umane", un’ala non attrezzata per l’assistenza sanitaria. Il ministero della Salute di Gaza ha invitato la comunità internazionale a "intervenire per salvare loro la vita". 

More from ARCHIVIOMore posts in ARCHIVIO »

Comments are closed.