Press "Enter" to skip to content

Svezia: “Russia possiede infrastrutture strategiche in Paesi Nato”.

Cagliari, 1 Mar 2024 - In un rapporto dell'ambasciata svedese a Mosca citato da Svenska Dagbladet, il progetto Akkuyu - prima centrale nucleare della Turchia - viene indicato come un esempio della "diplomazia nucleare russa". Al centro c'è la società statale russa Rosatom: il rapporto afferma che la centrale nucleare è la prima in cui la società, oltre a costruirla, la gestirà e ne sarà proprietaria in futuro e venderà l'elettricità alla Turchia. 

"Ciò significa che la Russia possiede le infrastrutture strategiche sul territorio della Nato", si legge nel rapporto firmato dall'ambasciatrice Karin Olofsdotter.

"La Russia è spesso propensa a presentarsi come un fornitore affidabile e un partner commerciale, ma allo stesso tempo si vede come ha utilizzato le forniture di gas all'Europa come strumento politico per vedere i rischi", si legge. Diversi paesi - continua Svenska Dagbladet - hanno sospeso o chiuso la porta ai progetti nucleari russi in seguito all'invasione su vasta scala dell'Ucraina.

"L'Ungheria non è un paese del genere. Lì continua la costruzione dell'energia nucleare finanziata dalla Russia. L'Ungheria è fortemente dipendente dall'energia russa e avrebbe difficoltà a fermare le sue importazioni di energia senza conseguenze economiche significative".

La Turchia e l'Ungheria sono i due Paesi che hanno fortemente rallentato l'ingresso della Svezia nella Nato, che attende ancora la firma del presidente ungherese.
 E proprio ieri, nel suo discorso annuale alla nazione, il presidente russo Vladimir Putin si è occupato anche dell'ingresso della Svezia nella Nato: "Dobbiamo rafforzare la nostra difesa a ovest, per neutralizzare le minacce derivanti dall'espansione della Nato a est, dove hanno attirato Svezia e Finlandia nella loro alleanza", ha detto.

More from ARCHIVIOMore posts in ARCHIVIO »
More from PRIMA PAGINAMore posts in PRIMA PAGINA »

Comments are closed.