Press "Enter" to skip to content

Frana Casamicciola: ritrovato il corpo di una terza vittima. Il Cdm approva lo stato di emergenza.

Ischia, 27 Nov 2022 – È stato recuperato un secondo cadavere a Casamicciola. Il corpo, da quanto risulta, appartiene a una bimba di 5-6 anni, con indosso un pigiamino rosa. Il corpo è stato trovato in una camera da letto, sotto un materasso, di una casa travolta dalla frana. In questi minuti la salma viene portata in obitorio. E' probabile che nello stesso punto vi siano altri corpi individuati dai cani dei soccorritori. Il corpo della bambina, seconda vittima della frana di Casamicciola, è stato recuperato dai Vigili del Fuoco nella zona di via Celario, a Casamicciola Terme.

Anche i genitori e il fratello della bimba sono nella lista dei dispersi, così come gli zii che abitavano poco distante, sempre in via Celario, la strada nella quale si è riversata la massa di acqua, fango, massi e detriti staccatisi dall'Epomeo.

È stata anche recuperata la salma di una terza vittima dell'alluvione di Casamicciola. Nella zona di via Celario i soccorritori che da alcune ore scavano a mano hanno rinvenuto il cadavere di una donna anziana, di cui al momento non è possibile determinare l'identità. Come per le altre due vittime, la salma sarà portata presso l'obitorio dell'ospedale Rizzoli.

Simonetta Calcaterra è stata nominata commissaria per la gestione dell'emergenza dopo la frana che ha colpito Casamicciola. È quanto deciso nel corso del Consiglio dei ministri straordinario convocato su Ischia e riferito ai cronisti dal ministro per il Sud, Nello Musumeci, che ha anche la delega alla Protezione, uscendo da Palazzo Chigi.

"Lo stato di emergenza per Ischia durerà un anno", ha aggiunto. Il Cdm, ha spiegato Musumeci, ha anche disposto un primo stanziamento di due milioni di euro. Sarà anche costituito un gruppo di lavoro interministeriale per mitigare il rischio di frane e alluvioni, partendo dalla definitiva approvazione del piano nazionale per il cambiamento.

"Il gruppo di lavoro - ha spiegato Musumeci - non potrà mai in 30 giorni risolvere problemi che si trascinano da 70 anni, ma si tratta di innescare una marcia nuova e diversa". Certo, ha detto ancora, "dobbiamo iniziare a fare i conti con precipitazioni che hanno dell'assurdo e tutto questo rende difficile l'impatto con il territorio specie se non è stato sottoposto a costante manutenzione". Però "la volontà" di mettere in sicurezza il territorio "c'è, ci mettiamo subito al lavoro per dare un segnale concreto".

Gli aiuti arrivano anche dall’Alto. Infatti, questa mattina un elicottero HH139 dell'Aeronautica Militare ha effettuato un operazione di ricerca e soccorso nelle zone colpite dalla frana di Ischia. L'operazione ha portato all'individuazione e al salvataggio di 5 persone, 3 adulti e 2 bambini che erano rimasti isolati in un agriturismo. Recuperati con il verricello dell'elicottero sono stati trasportati a Casamicciola. L'ha reso il Ministero della Difesa. L'elicottero intervenuto è parte del contingente di soccorso messo a disposizione ieri dal Ministro della Difesa Guido Crosetto; tutte le operazioni sono coordinate dal Comando Operativo di Vertice Interforze dello Stato Maggiore della Difesa. Rimangono pronti a intervenire, in caso di necessità, un elicottero CH47 dell'Esercito, un plotone genio e uno bersaglieri con 15 mezzi speciali, mentre Nave San Giorgio della Marina Militare, con a bordo un contingente di personale della Brigata Marina San Marco sta velocemente raggiungendo l'isola nel caso fossero necessari ulteriori aiuti.

Inoltre sono in corso le operazioni della Nave Gregoretti della Guardia costiera per le ricerche in mare dopo la frana che ieri ha coinvolto il comune di Casamicciola, sull'Isola d'Ischia.
Accanto alle motovedette e al personale della Guardia costiera di Ischia e del II nucleo subacquei di stanza a Napoli, in uso anche i Rhib (Rigid hull inflatable boat, ovvero battelli gonfiabile a chiglia rigida). Le operazioni della Guardia costiera rientrano nell'ambito del dispositivo di Protezione civile attivato a seguito dell'ondata di maltempo che ha colpito l'isola del golfo di Napoli.

La Caritas di Napoli ha avviato una raccolta a favore degli sfollati di Casamicciola. Sta raccogliendo indumenti intimi e tute per bambini. 

Il punto di riferimento è il Binario della Solidarietà in via Taddeo da Sessa, nei pressi della stazione ferroviaria di Napoli. Si chiedono tute per bambini dai 2 ai 12 anni e gli indumenti per ogni fascia d'età. La Caritas di Napoli, guidata da suor Marisa Pitrella, ha iniziato inviando comunque, a proprie spese, già oggi materiale per circa 100 persone, dai calzini alle magliette intime. Si tratta di capi richiesti soprattutto perché gli sfollati hanno dovuto lasciare improvvisamente le proprie abitazioni e che in alcuni casi sono state travolte dalla frana.

Infine otto persone che si trovavano in un agriturismo rimasto isolato dopo l'alluvione di ieri mattina sono state salvate dai vigili del fuoco del comando provinciale di Napoli e dai militari dell'Aeronautica.
Le otto persone sono state fatte salire su due elicotteri e portate all'eliporto di Lacco Ameno. A quanto si apprende, oltre allo spavento per la brutta esperienza, le loro condizioni di salute sono buone.

Ed inoltre il commissario straordinario di Casamicciola e i cinque sindaci dell'isola d'Ischia, in considerazione della emergenza causata dall'alluvione, hanno deliberato di tenere chiuse per domani e dopodomani le scuole di ogni ordine e grado dell'intera isola.

Comments are closed.