Press "Enter" to skip to content

Zelensky: “Attacchi russi a Kherson ogni ora”. Danneggiato ospedale a Zaporizhzhia.

Kiev, 25 Nov 2022 – "Dobbiamo restituire tutte le terre, perché credo che il campo di battaglia sia la via da seguire quando non c'è diplomazia". Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in una intervista al Financial Times. "Capisco che tutti siano confusi dalla situazione e da ciò che accadrà alla Crimea - ha aggiunto Zelensky nel colloquio con il quotidiano britannico - se qualcuno è pronto a offrirci una soluzione per la de-occupazione della Crimea con mezzi non militari, non potrò che essere favorevole". Il presidente ucraino ha concluso spiegando che se la soluzione non prevede la liberazione della Crimea allora è solo "una perdita di tempo". 

"Quasi ogni ora ricevo notizie di attacchi da parte degli occupanti a Kherson e in altre comunità. Questo terrore è iniziato immediatamente dopo che l'esercito russo è stato costretto a fuggire dalla regione di Kherson. Questa è la vendetta di chi ha perso". Così nel suo consueto video serale, il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, a proposito della situazione ne suo Paese. "Non sanno combattere. L'unica cosa che possono ancora fare è terrorizzare - prosegue - Terrorismo energetico, dell'artiglieria, o missilistico: a questo la Russia si è ridotta sotto i suoi attuali leader".

Per Zelensky "solo la liberazione della nostra terra e garanzie di sicurezza affidabili per l'Ucraina possono proteggere il nostro popolo da qualsiasi escalation russa. Lavoriamo con i partner ogni giorno per questo. Presto ci saranno importanti novità". "Abbiamo sopportato nove mesi di guerra su vasta scala e la Russia non ha trovato un modo per spezzarci - ha concluso - E non lo troverà. Dobbiamo continuare a resistere".

In seguito è stato constatato che è salito a 7 morti e 21 feriti il bilancio dei raid russi su Kherson. Lo ha detto Yaroslav Yanushevich, capo dell'amministrazione militare regionale. "Oggi è un'altra pagina terribile nella storia della nostra città. Memoria eterna a coloro che sono morti per mano degli invasori russi. Sincere condoglianze ai parenti", ha scritto su telegram.

Anche un attacco missilistico russo nella tarda serata su Zaporizhzhia. Lo rende noto l'amministratore regionale ucraino Oleksandr Starukh su telegram. "Questa volta i razzi hanno colpito vicino all'ospedale. Le persone non sono rimaste ferite ma lo stesso non si può dire dell'edificio dove dozzine di finestre sono state distrutte", ha spiegato.

L'elettricità per i residenti di Kiev sarà ridotta a 2-3 ore al giorno fino al completo ripristino dell'energia elettrica nella città. Lo riporta Kyiv Independent citando la società energetica privata ucraina Dtek. La stessa società ha reso noto che l'elettricità è stata ripristinata per circa il 30% dei residenti di Kiev.

Tra queste atrocità messe a segno dallo stato terrorista guidato dal dittatore e criminale di guerra Putin, una buona notizia per i coraggiosi ed eroici militari ucraini: infatti è stato reso noto che un gruppo bipartisan di senatori sta spingendo l'amministrazione Biden a trasferire in Ucraina i droni "Gray Eagle" in grado di portare missili Hellfire.

Infatti 16 senatori Repubblicani e Democratici, molti dei quali fanno parte della commissione Servizi armati, hanno inviato una lettera al segretario alla Difesa Lloyd Austin in cui criticano il Pentagono per non aver ancora autorizzato la consegna dei 'super droni' a Kiev. "Questo particolare sistema - scrivono - accrescerà le possibilità ucraine nel breve periodo e merita di essere riconsiderato". Il gruppo dei firmatari è guidato dal repubblicano Joni Ernst, rappresentante dell'Iowa, e il democratico centrista Joe Manchin, della West Virginia.

E nella serata di ieri si è saputo che la Russia e l'Aiea stanno discutendo la questione del monitoraggio internazionale del rispetto degli accordi sulla protezione della centrale nucleare di Zaporizhzhia.

Lo ha affermato il rappresentante permanente della Federazione Russa presso l'Aiea Mikhail Ulyanov. Secondo lui, altrimenti la sicurezza della centrale non sarà garantita.
E proprio su Zaporizhzhia durante la notte gli attacchi russi hanno colpito un ospedale. Lo ha detto su Telegram il governatore della regione, Oleksandr Starukh. Mosca ha nuovamente attaccato i sobborghi di Zaporizhzhia, dopo lo spegnimento di tutte le centrali nucleari ucraine per la prima volta in 40 anni, a causa dei bombardamenti.
Volodymyr Zelensky ha dichiarato al Financial Times che gli attacchi di questa settimana hanno creato una situazione che non si vedeva da 80 o 90 anni: "Un paese nel continente europeo dove non c'è luce".
In Ucraina, permangono infatti seri problemi con la fornitura di elettricità in quasi tutte le regioni e ci sono interruzioni nella fornitura di acqua in 15 regioni, ha affermato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Le autorità stimano che il ripristino della rete costerà centinaia di milioni di dollari.

Comments are closed.