Press "Enter" to skip to content

A partire da oggi 3 ottobre 2022 sarà possibile conferire negli Ecocentri anche il “secco-indifferenziato”.

Cagliari, 3 Ott 2022 - A partire da oggi, i titolari di utenza domestica, regolarmente censiti, potranno conferire i rifiuti della frazione “secco-indifferenziato” anche presso uno degli Ecocentri presenti a Cagliari.

La quantità di rifiuti conferiti al di fuori della normale raccolta porta a porta verrà conteggiata come se fosse un conferimento nel proprio domicilio ai fini della tariffazione puntuale.

Sono, infatti, 52 i conferimenti totali previsti nel corso di un anno ma chi riuscirà a conferire fino a 26 volte, potrà ottenere uno sconto sulla TARI. Inoltre, non sarà possibile conferire i rifiuti presso gli Ecocentri, per più di una volta al giorno e due volte al mese. Il limite massimo annuale di conferimenti presso le strutture è stato fissato in dieci volte.

Grazie a questo allargamento che riguarda il conferimento del “secco/indifferenziato”, prima non previsto in modalità differente dal porta a porta, l'Amministrazione comunale prevede non solo di ottenere una migliore raccolta differenziata ma anche di poter offrire una nuova diminuzione sulla TARI che nell'ultimo periodo si è abbassata del 15%.

La nuova possibilità di conferimento e i numeri generali della raccolta differenziata a Cagliari, sono stati illustrati in conferenza stampa oggi dal Sindaco di Cagliari Paolo Truzzu, affiancato dal suo Assessore all'Ambiente, Alessandro Guarracio e dal Presidente della Commissione Consiliare Ambiente, Raffaele Onnis.

“Quei cittadini che, pur facendo in maniera corretta la differenziata e conferendo con il porta a porta, hanno la necessità di conferire nell'Ecocentro anche il secco, da oggi potranno farlo”. Questo il primo commento del Sindaco Truzzu che ha incontrato i cronisti nel nuovo Ecocentro di via San Paolo.

“Si tratta – ha concluso il primo cittadino - di venire incontro alle necessità dei nostri concittadini ai quali verrà fornito un sacchetto direttamente in Ecocentro. Ma soprattutto di un modo per continuare a stimolare la differenziata in modo da ridurre la frazione secca. Siamo riusciti a passare, dalle sessantamila tonnellate del 2017 alle quindicimila attuali, con un grande abbassamento dovuto alla tariffazione puntuale. E questo ci ha permesso di aumentare le altre frazioni”.

“Un'innovazione che abbiamo fortemente voluto – ha aggiunto l'Assessore Guarracino - perché già dall'apertura del centro di Sant'Elia si era palesata questa esigenza da parte dei cittadini. Il sistema era troppo rigido e in questo modo rendiamo tutto più flessibile. Ora, anche chi ha problemi nei giorni e negli orari della raccolta, o per situazioni particolari, può conferire i rifiuti nei centri di raccolta. In più, sono state raddoppiate le quantità di tutte le frazioni di rifiuti che si possono conferire”.

“Questa – la chiusura di Raffaele Onnis - è una delle tante innovazioni che abbiamo messo in campo dall'inizio della Consiliatura per combattere l'emergenza dell'igiene del suolo in città. Aumentiamo, con questa apertura, l'offerta dei servizi per i cittadini”.

Resta il limite della quantità di “secco” conferibile che sarà rapportato alla misura del classico contenitore utilizzato per il porta a porta. Le eccedenze, infatti, non verranno accettate dagli operatori dell'Ecocentro. Com

More from ALTRE NOTIZIEMore posts in ALTRE NOTIZIE »

Comments are closed.