Press "Enter" to skip to content

Il presidente americano Joe Biden ha firmato la ratifica dell’adesione di Finlandia e Svezia alla Nato.

Washington, 10 Ago 2022 - Il presidente degli Stati Uniti d'America Joe Biden ha firmato oggi la ratifica dell'ingresso nella Nato della Repubblica di Finlandia e del Regno di Svezia. È la più significativa espansione dell'alleanza militare dagli anni '90.

"Credo nell'Alleanza, credo in una maggiore sicurezza e stabilità non solo dell'Europa e degli Stati Uniti ma di tutto il mondo. Saremo più forti che mai", ha detto.

Il Senato la settimana scorsa ha approvato l'ingresso dei due paesi scandinavi con 95 voti a favore e uno contrario, una rara dimostrazione di spirito bipartisan tra repubblicani e democratici, aspramente divisi su ogni altro argomento. Non passa inosservato, al contempo, il contrasto con le nette critiche riservate all'Alleanza atlantica dal precedente presidente Donald Trump e dalla sua amministrazione.

La richiesta di adesione di Svezia e Finlandia è stata una reazione all'invasione russa dell'Ucraina. Mosca ha più volte diffidato entrambi gli Stati dall'adesione. Putin "ha ottenuto esattamente quello che non voleva", ha detto Biden. 

Gli Stati Uniti "lavoreranno con Finlandia e Svezia per restare vigili contro ogni minaccia alla nostra sicurezza condivisa, e per prevenire e affrontare l'aggressione o minacce di aggressione": è il messaggio rivolto dal presidente americano, nel corso di una telefonata, alla premier svedese Magdalena Andersson e al presidente finlandese Sauli Niinisto, prima della firma.

La Nato aveva firmato il protocollo di accesso dei due stati scandinavi il mese scorso, ma è necessaria la ratifica, entro un anno, di tutti i 30 attuali membri dell'alleanza prima che i nuovi entrati possano essere effettivamente protetti dall'articolo 5, la clausola difensiva del trattato atlantico che stabilisce che un attacco a un alleato è un attacco a tutti. Tra i paesi che hanno già ratificato l'accordo ci sono Italia, Germania e Canada.

More from ARCHIVIOMore posts in ARCHIVIO »

Comments are closed.