Press "Enter" to skip to content

Reddito di Cittadinanza – Carabinieri della Reparto Territoriale di Olbia hanno denunciato 20 persone perché avrebbero reso false dichiarazioni, attestando il possesso dei previsti requisiti, risultati poi inesistenti, al fine di trarne profitto dall’erogazione statale.

Olbia, 27 Giu 2022 - I Carabinieri della Sezione Operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile del Reparto Territoriale di Olbia, con la collaborazione dei Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Sassari, agli esiti dei primi riscontri nell’ambito di una articolata indagine finalizzata all’individuazione di persone che percepiscono indebitamente il reddito di cittadinanza, hanno denunciato in stato di libertà 20 cittadini residenti ad Olbia che, dall’analisi delle pratiche presentate all’I.N.P.S., avrebbero reso false dichiarazioni, attestando il possesso dei previsti requisiti, risultati poi inesistenti, al fine di trarne profitto dall’erogazione statale.

L’indagine è stata effettuata su un campione di circa 90 percettori la cui documentazione a corredo delle rispettive domande è stata scrupolosamente esaminata, una percentuale molto elevata ma tuttavia non rappresentativa delle reali proporzioni dell’impatto complessivo del fenomeno, trattandosi di un’indagine mirata su un campione di cittadini stranieri che, per alcune preliminari valutazioni, apparivano da subito non riunire i requisiti richiesti.

L’attività del personale dell’Arma ha permesso di accertare che questi individui dall’anno 2019 hanno percepito illegittimamente complessivamente oltre 180.000 Euro ai danni dello Stato. Anche nel periodo estivo, in cui gran parte delle risorse dell’Arma saranno impegnate in servizi preventivi a proiezione esterna finalizzati al controllo del territorio, si continuerà – con il coordinamento della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Tempio Pausania – nel delicato compito di individuare altri casi analoghi

More from CRONACAMore posts in CRONACA »

Comments are closed.