Press "Enter" to skip to content

Iss: bozza, valore Rt supera 1. Prima volta dopo 7 settimane. La terza ondata porta quasi tutta l’Italia in zona rossa.

Roma, 5 Mar 2021 - Nel periodo 10 - 23 febbraio l'Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,06 con un range 0,98- 1,20, in aumento rispetto alla settimana precedente e sopra uno per la prima volta in sette settimane. Lo indica il nuovo monitoraggio Iss-Ministero Salute. Forte aumento nel numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione: 41.833 contro i 31.378 della settimana precedente.  Scende la percentuale dei casi rilevati attraverso il tracciamento dei contatti (28,8% rispetto al 29,4%). Scende anche, la percentuale di casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (35,2% vs 36,1% la settimana precedente).

Ospedali sempre più sotto stress. Il tasso di occupazione in terapia intensiva a livello nazionale è complessivamente in aumento (26% contro il 24% della scorsa settimana). Il numero di persone ricoverate in terapia intensiva è in risalita da 2.146 della settimana scorsa a 2.327 (il dato è riferito al 2 marzo). Aumenta anche il numero di persone ricoverate in aree mediche, passando da 18.295 (23 febbraio 2021) a 19.570 (02 marzo 2021). È quanto compare nel monitoraggio settimane dell'epidemia di Covis dell'Iss e del Ministero della Salute.

Con quasi centomila morti e quasi tre milioni di contagiati l’epidemia di Covid in Italia continua a fare paura. E a un anno dall’affacciarsi dei primi contagi la situazione è di nuovo a un punto di svolta. La curva cresce ogni giorno di più e si cerca di fare fronte con chiusure localizzate e misure anti assembramento.

Il primo Dpcm firmato da Mario Draghi, che sarà in vigore da sabato, viene considerato a Palazzo Chigi adeguato ad affrontare la risalita dei contagi, soprattutto perché dà agli amministratori gli strumenti per intervenire in maniera mirata e rapida, laddove necessario, con la chiusura delle scuole e con altre zone 'scure' locali.

Il monitoraggio delle varianti resta comunque costante e il governo concentra la sua attenzione - con riunioni in programma già nei prossimi giorni - in particolare sulla scuola, dove nelle ultime settimane sono esplosi i casi, e sui trasporti, sempre possibile luogo di contagio. Se la crescita della curva non si arrestasse, ipotizza già qualcuno tra i ministri, potrebbero rendersi necessarie nuove misure come un anticipo del coprifuoco rispetto alle 22 o di una stretta ulteriore su weekend e spostamenti.

L'esecutivo, che da aprile potrebbe abbandonare lo strumento del Dpcm e varare un decreto legge per le misure anti contagio, intende intanto valutare l'efficacia del Dpcm firmato martedì, a partire dallo stop alle lezioni nelle aree a più alto contagio, i cui effetti si vedranno non prima di una settimana-dieci giorni. L'obiettivo principale è poi accelerare nella campagna vaccinale di massa, resa più difficile dalla corsa dell'epidemia- lo scenario peggiore contemplato dagli esperti - in questo senso un'Italia quasi tutta rossa sarebbe di aiuto nell'efficacia della somministrazione.

Oggi il ministero della Salute dopo il monitoraggio settimanale - relativo a dati già superati - stringerà le misure su diverse regioni, tra cui la Lombardia, che ha proclamato da mezzanotte l'arancione scuro e ha registrato oltre 5 mila tamponi positivi in 24 ore. In bilico anche Campania, Emilia Romagna e Abruzzo, che potrebbero aggiungersi in rosso a Molise e Basilicata. Calabria - che chiuderà tutte le scuole -, Friuli Venezia Giulia e Veneto vanno verso l'arancione, mentre il Lazio resta fino all'ultimo tra giallo e arancione. Nelle Marche, dove già Ancona è zona rossa, da sabato stretta a Macerata.   Si attendono le mosse dei nuovi vertici della struttura emergenziale, il commissario Francesco Figliuolo e il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio, che oggi incontreranno le Regioni assieme ai ministri Roberto Speranza (Salute) e Mariastella Gelmini (Autonomie).

La gestione della pandemia d'ora in poi sarà sul modello della Protezione civile, ovvero territoriale e tempestiva, secondo quanto emerso dal vertice odierno con le autorità sanitarie. Dal territorio le notizie e i dati sembrano indicare che si sta inseguendo il virus, trainato dalle varianti, in primis quella inglese, invece di anticiparlo, e che la terza ondata è in pieno corso.

"Un fortissimo incremento di positivi", fa sapere la Regione Campania, impone "la realizzazione di tamponi di massa nei Comuni" più colpiti, specie nell'area vesuviana. Il presidente dell'Associazione Comuni (Anci) Antonio Decaro, sindaco di Bari, riferisce di un aumento dei contagi praticamente in tutte le città.

Le vittime sono ancora 339, ma a preoccupare sono i 232 ingressi in terapia intensiva - il secondo dato più alto da quando si calcolano, a inizio dicembre -  e i 394 ricoveri in più nei reparti ordinari. Solo Basilicata e Valle d'Aosta non annotano nuovi pazienti in rianimazione nell'ultima giornata, la Lombardia ne ha invece ben 56. Di fronte all'escalation dei contagi il governo Draghi per ora punta su sempre più zone rosse o arancione scuro locali per arginare l'ondata. Ma nell'esecutivo e nella maggioranza alcune voci non escludono che se le misure adottate non riuscissero a frenare la curva si debba poi tornare a intervenire.

Da lunedì il Veneto sarà in fascia arancione. Lo afferma il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, oggi in conferenza stampa dalla sede della Protezione civile regionale a Marghera. "L'Rt è il dato che ci spara in zona arancione così velocemente, dà una dimensione dell'infezione. La proiezione di quello che può essere l'Rt la prossima settimana è assolutamente preoccupante", afferma Zaia.

Comments are closed.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: Content is protected !!