Press "Enter" to skip to content

Sport e Benessere – Leg Raise e varianti – A cura del dottor Andrea Melis.

Cagliari, 18 Sett 2020 - Uno degli esercizi che molto spesso vediamo in palestra per stimolare gli addominali, perlomeno con tre varianti, differenti è il Leg Raise. Peccato che come esercizio pur stimolando dal punto di vista biomeccanico anche gli addominali, dal punto di vista anatomico ci spinge a dover fare una considerazione, cioè che l'inserzione di tutto il complesso dei muscoli non si colloca sulle gambe. Molti riferiscono che l'esercizio in questione effettivamente si sente, pochi si chiedono il perché.

Il sensazionalismo e la biomeccanica non sempre vanno d'accordo ma in questo caso la risposta è sì. Il tutto si può ricondurre alla funzione del complesso muscolare in rapporto alla sua struttura. Qua parliamo di un muscolo che prioritariamente lavora in flessione di colonna (Entrambi i sensi) e in retroversione di bacino, tuttavia è anche un potente stabilizzatore della colonna vertebrale in contrazione isometrica. Il discorso è tutto qui, l'addome durante il sollevamento delle gambe agisce per dare stabilità alla manovra. Il nostro compito è lavorarlo in maniera completa dando priorità ad un lavoro sia di natura isometrica che di natura isotonica dove prestiamo attenzione tanto alla fase concentrica quanto a quella eccentrica.

Vi lascio con delle immagini esplicative per quanto concerne la biomeccanica e l'anatomia.

Comments are closed.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: Content is protected !!