Press "Enter" to skip to content

Ponte Morandi, oggi la demolizione dei due monconi

Genova, 28 Giu 2019 - Un piano di sicurezza imponente, con oltre 3500 sfollati, più di 400 uomini delle forze dell'ordine schierati, il blocco della viabilità che tronca in due non solo la Liguria ma anche parte del Nord Ovest. La città è pronta per il d-day: non solo Genova ma anche buona parte dell'Italia avrà gli occhi puntati sulle due pile dell'ex viadotto Morandi che domani, sotto la spinta esplosiva di una tonnellata di dinamite e di qualche chilo di plastico, si sbricioleranno al suolo a pochi passi dal Polcevera. Quando quelle polveri, che verranno monitorate passo dopo passo dalle centraline disposte dal Comune di Genova e da quelle messe sui balconi dai residenti della zona limitrofa all'esplosione, si poseranno al suolo impastate dalle centinaia di litri d'acqua 'sparate' dai cannoncini si avrà l'esatta dimensione della portata dell'evento previsto per domani. È impaziente, il sindaco e commissario Marco Bucci, che oggi in consiglio comunale ha detto: "tutto è pronto. Il rischio zero non esiste ma tecnicamente possiamo parlare di un rischio irrisorio".

Ad assistere all'implosione controllata i due vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio e il ministro della Difesa Elisabetta Trenta che con i media di mezzo mondo verranno collocati a distanza di sicurezza, ben oltre la fascia di 300metri dalle operazioni. Operazioni che prenderanno il via molto presto: prima il completamento delle evacuazioni dalle case che si trovano nella red zone (dalle 7), poi l'ultima supervisione elle cariche collocate all'interno dei fori sulle pile e del reticolato di inneschi, il blocco della viabilità – caselli autostradali convergenti, strade, ferrovia tra Sampierdarena e Rivarolo e a Borzoli -, stop al traffico merci da e per il porto di Genova e infine no fly zone.

Alle 9 dopo l'ok dei fochini alla centrale operativa il capo della Siag Coppe darà l'impulso elettrico al detonatore che farà saltare, a pochi microsecondi l'uno dall'altro, gli inneschi delle cariche. Il 'big boom' dovrebbe durare poco meno di 6 secondi poi prima l'una e poi l'altra pila andranno giù, ridisegnando la brutta skyline sulla zona est del Polcevera.

More from ARCHIVIOMore posts in ARCHIVIO »
More from PRIMA PAGINAMore posts in PRIMA PAGINA »