Press "Enter" to skip to content

Enti locali e sanità, Erriu: due riforme che modificano l’assetto istituzionale

Gesico, 4 Mar 2016 - “Dove stanno le innovazioni nella legge n. 2/2016 e nella riforma della sanità? È presto detto: questi provvedimenti, che si intersecano tra di loro, non vengono calati dall’alto. La Regione punta a ricostruire dal basso la trama dei tessuti organizzativi nell’Isola, sia a livello istituzionale che in ambito più complessivo”. Lo ha detto l’assessore degli Enti locali Cristiano Erriu nel suo intervento a Gesico al convegno ‘La riforma della sanità nella Regione Sardegna: criticità organizzative e nuove opportunità’.

“Il primo principio – ha aggiunto Erriu – è quello della semplificazione, cioè la riduzione dei livelli intermedi tra la Regione e i Comuni. La legge n. 2/2016 ci consente di costruire il nuovo sistema istituzionale sardo attraverso due livelli, la Regione e i Comuni. Tutti gli altri saranno enti elettivi di secondo livello. Vi è poi un aspetto legato alla governance: ora ciascun Comune deve obbligatoriamente aderire a un’Unione, mentre in passato era una scelta facoltativa. E questo ha un senso profondo, in quanto spetterà alle Unioni gestire in forma associata una serie di servizi che saranno delegati dalla Regione, relativamente agli ambiti ottimali che stiamo andando a definire”.

“La vera sfida – ha concluso l’assessore Erriu –consiste nel garantire la stessa qualità dei servizi, senza aumentare la spesa pubblica. Il nostro Assessorato seguirà i Comuni in questo percorso di riordino”.

More from POLITICAMore posts in POLITICA »