Press "Enter" to skip to content

Militari italiani in Iraq, Renzi: 450 soldati a difesa della diga di Mosul

Roma, 16 Dic 2015 - Quattrocentocinquanta militari italiani partiranno presto per Mosul, una delle roccaforti dell'Isis. L'obiettivo è quello di difendere dai terroristi la diga danneggiata che minaccia la città di Baghdad e permettere l'inizio dei lavori. Lo ha detto il premier Renzi, precisando che si tratta di "un’area molto pericolosa". L'annuncio del presidente del Consiglio è arrivato durante la registrazione di Porta a Porta: "Siamo in Iraq per l'addestramento ma anche con un'operazione importante nella diga di Mosul [...] l'appalto è stato vinto da un'azienda italiana (il gruppo Trevi si è aggiudicato la commessa, del valore di oltre 2 miliardi di dollari), noi metteremo 450 nostri uomini insieme agli americani e la sistemeremo". Renzi ha poi aggiunto che Mosul "è cuore di un'area molto pericolosa al confine con lo Stato islamico, è seriamente danneggiata e se crollasse Baghdad sarebbe distrutta".

Si prefigura dunque un salto di qualità nella partecipazione italiana alla coalizione anti-Isis, perché Mosul si trova in una zona molto calda e teatro di aspre battaglie tra le milizie del califfo ed i Peshmerga. Mentre ora il grosso del contingente nazionale che partecipa alla missione 'Prima Parthica' (circa 750 uomini) è impiegato tra Erbil (kurdistan iracheno) e Baghdad, con funzioni prevalentemente di addestramento. Il salto di qualità è stato anticipato proprio ieri dal presidente Usa, Barack Obama, quando ha detto che l'Italia è pronta a fare di più nella lotta al califfato e lo farà in un'area ad alto rischio.

L'obiettivo dei 450 militari italiani (che si aggiungeranno ai 750 già presenti in Iraq) è quello di evitare che la diga di Mosul possa entrare nel mirino di terroristi e far sì che i lavori di risistemazione di questa infrastruttura fondamentale per il paese possano partire.

La diga, viene spiegato, è pericolante e rischia di crollare. Ma finora le condizioni di sicurezza assolutamente precarie non hanno consentito all'azienda di avviare i lavori. C' è bisogno di vigilanza armata per proteggerla da attacchi terroristici e Italia si è presa con il ruolo guida questo incarico, cui parteciperanno anche militari americani. Con il contingente a tutela si potranno far partire i lavori di questa grande infrastruttura. I tempi tecnici per l'invio dei militari richiederanno qualche settimana.

Sulla strategica opera si sono combattute durissime battaglie negli ultimi mesi. Nell'agosto del 2014 la diga era caduta nelle mani dell'Isis, ma dopo qualche giorno era stata riconquistata dai Peshmerga, grazie anche ai raid aerei della coalizione internazionale a guida americana.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: Content is protected !!