Press "Enter" to skip to content

Attacco jihadista all’hotel di Bamako in mali. 170 in ostaggio. Cnn: morti un francese e due maliani

Cagliari, 20 Nov 2015 - Sono due maliani e un francese le vittime finora accertate dell'attacco jihadista di questa mattina all'hotel Radisson di Bamako in Mali. Lo riferisce un funzionario dell'Onu citato dalla Cnn. 170 le persone che sono state prese in ostaggio, tra questi anche membri del personale di Air France. Secondo "fonti Onu" "forze speciali americane sono entrate all'interno dell'hotel" e hanno liberato una decina di ostaggi.

Il commando che ha assaltato l'albergo sarebbe composto da una dozzina di persone, che secondo la Bbc appartengono ad Ansar Dine. Avrebbero gridato "Allahu Akbar!", Dio è grande, quando hanno aperto il fuoco. "Diversi feriti sono stati evacuati in ambulanza". Mentre sarebbero stati rilasciati gli ostaggi che sapevano recitare versetti del Corano.

L'attacco è avvenuto al settimo piano dove - stando al quotidiano francese Libération - "si trovano le camere utilizzate dal personale di volo dell'Air France". Fonti Eliseo fanno sapere che ci sono molti ospiti francesi tra cui delegati dell'Organizzazione internazionale della Francofonia, un'organizzazione che rappresenta i Paesi di lingua francese, e partecipanti a un incontro previsto domani nella capitale maliana sulle nuove tecnologie.

"Hanno rinchiuso circa 140 ospiti e circa 30 impiegati", ha detto a NBC News un portavoce del gruppo Carlson Rezidor. "L'hotel è sbarrato e nessuno può entrare dentro o uscire". A 'sigillare' l'albergo - continua - sono stati gli assalitori stessi, e non "la polizia o altre forze di sicurezza". Gli assalitori hanno attaccato con armi da fuoco e "granate", ha riferito un impiegato dell'albergo.

L'albergo che ospita soprattutto stranieri è considerato il più sicuro della capitale, situato nella zona di lusso della città. Secondo l'agenzia Xinhua, tra i clienti ci sono anche cinesi. L'albergo ospiterebbe tra l'altro militari della missione Onu in Mali. Ci sono anche sei membri dello staff della compagnia aerea Turkish Airlines.

Fonti della sicurezza del Mali hanno detto che gli assalitori sono arrivati in hotel a bordo di una vettura con targa diplomatica. L'ambasciata americana con un 'tweet' ha invitato i connazionali a non uscire di casa.

Tutto il settore settentrionale del Mali è stato occupato da milizie jihadiste, alcune con legami ad al-Qaeda, fin dal 2012. Molti gruppi sono stati scovati grazie a un'operazione militare internazionale su iniziativa francese, lanciata nel gennaio 2013 e che è ancora in corso.

Ma alcune zone del Paese rimangono ancora fuori dal controllo delle forze maliane straniere. E se fino a qualche tempo fa gli attacchi jihadisti erano rimasti concentrati nel nord, dall'inizio del 2015 si sono estesi al centro e, da giugno, al sud del Paese. Lo scorso marzo assalitori dal volto coperto hanno aperto il fuoco in un ristorante frequentato dagli stranieri uccidendo 5 persone.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: Content is protected !!