Press "Enter" to skip to content

A Sassari imposte prescrizioni nei confronti del minorenne coinvolto nelle tentate lesioni di una suora.

Dopo l’arresto e la denuncia in stato di libertà dei due maggiorenni, uno dei quali si trova attualmente ancora agli arresti domiciliari, che il pomeriggio del 15 ottobre scorso, avevano appiccato il fuoco al velo indossato da un’anziana suora dell’ordine delle Pie Sorelle, mentre passeggiava tranquillamente in Piazza d’Armi, è stata disposta la misura cautelare delle prescrizioni nei confronti del minorenne coinvolto nel grave episodio di bullismo.

A seguito, infatti, della denuncia in stato di libertà nei confronti del minore, il Tribunale per i Minorenni di Sassari su richiesta della Procura della Repubblica per i Minorenni, ha applicato la misura delle prescrizioni che, di fatto, impediscono al giovane di spostarsi liberamente e lo obbligano a non uscire di casa dalle ore 17,00 sino alle ore 07,00 del mattino successivo di tutti i giorni, compresi i fine settimana. Le limitazioni si estendono, altresì, alla frequentazione di determinati luoghi ed ambienti, imponendo al minore, seguito dai servizi sociali, di frequentare regolarmente la scuola, di rincasare entro le 17 del pomeriggio, evitando il contatto con persone con precedenti penali e la frequentazione di luoghi come discoteche, bar e sale giochi.

Le prescrizioni sono volte principalmente alla rieducazione del giovane che, con l’aiuto dei servizi sociali, dovrà seguire un percorso di educazione alla legalità e al rispetto degli altri.

Il controllo sulla osservanza delle prescrizioni è demandato alla Polizia di Stato, che in qualsiasi ora della giornata, può verificare il regolare rispetto di tali limitazioni. In caso di trasgressioni, su segnalazione degli organi di Polizia, il Tribunale per i Minorenni potrà aggravare la misura, applicando la permanenza in casa molto più afflittiva delle prescrizioni.