Press "Enter" to skip to content

Giovane 30enne milanese arrestato dal personale della Polizia di Stato di Sassari per detenzione e coltivazione sostanze stupefacenti.

Durante il pomeriggio di sabato scorso, personale della Squadra Mobile della Questura di Sassari, ha arrestato Alberto Bonfante, di 30 anni, milanese, per detenzione e coltivazione di sostanza stupefacente.

Gli agenti, nell’ambito dell’attività di prevenzione e repressione dei reati in materia di stupefacenti, ha proceduto alla perquisizione di un casa situata nelle campagne del sassarese, dove, dopo che varie segnalazioni avevano indicato l’esistenza di una coltivazione di droga.

All’interno dell’abitazione, nel giardino, nascoste tra le piante da frutto, sono state rinvenute diverse piante di canapa indiana che il Bonfante ha giustificato come coltivate per uso personale.

Nel corso dell’attività, i poliziotti, hanno proceduto al sequestro di 14 piantine, di cui 6 giunte a completa maturazione, dell’altezza di circa 2,5 metri.

Altre 8 piante, sono state ritrovate in una zona riservata della casa, in attesa di maturare, distribuite in alcuni vasi all’esterno dei quali era persino indicata la varietà della canapa indiana coltivata.
Presente nella camera da letto, un semenzaio organizzato con un’apposita lampada per favorire la germinazione, una stanza di essicazione completa di lampada ed impianto di ventilazione.

Il giovane ha inoltre consegnato spontaneamente al personale della Polizia, alcuni semi, acquistati via internet, ancora da piantare con semi “feminizzati in grado di produrre immediatamente l’inflorescenza senza che sia necessario il processo d’impollinazione”, ed un bilancino di precisione.

Il Bonfante è stato quindi accompagnato negli uffici della Questura e dopo le formalità di rito, su disposizione dell’autorità giudiziaria, condotto presso la propria abitazione agli arresti domiciliari.