Press "Enter" to skip to content

Arrestato pregiudicato di Quartu per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e detenzione illegale di armi da guerra.

Nel pomeriggio di ieri gli Agenti del Commissariato di P.S. di Quartu Sant’Elena nell’ambito di specifici servizi finalizzati al contrasto e alla repressione delle attività di spaccio di sostanze stupefacenti in aree maggiormente esposte a fenomeni di microcriminalità e conseguente degrado sociale nell’area di Quartu Sant’Elena, hanno messo sotto osservazione alcune abitazioni nelle quali era stato segnalato un movimento sospetto di persone.

In particolare nel corso dell’operazione di Polizia è stata sottoposta a controllo un’abitazione, dimora di Giovanni Serreli, all’interno della quale gli Agenti hanno rinvenuto, occultati in più punti della casa, della cocaina per un peso complessivo di 89,26 gr., due tocchi di hascisc (3,95), fogliame essiccato verosimilmente marijuana (14,2 grammi) e due bilancini di precisione.

Quindi dopo un approfondito controllo gli Agenti hanno trovato, all’interno di una valigetta 24 ore, due pistole in perfetto stato di conservazione: una Beretta cal. 7,65 completa di due caricatori con otto cartucce cad., una scatola contente sei cartucce (cinque cal. 7,65 e una cal. 9 parabellum); una Beretta cal. 9 short completa di due caricatori ed una confezione di cartucce contenente dieci cartucce cal. 9 corto ed una cal. 9 lungo. Dalla verifica sulle armi, precisamente sui numeri di matricola delle stesse, gli Agenti hanno potuto accertare la provenienza furtiva della Beretta cal. 9 corto che, da approfonditi accertamenti, è risultata rubata a Flumini di Quartu dall’interno di un’auto, mentre per la pistola Beretta cal. 7,65 sono in corso specifiche indagini per risalire agli attuali legittimi detentori e non si escludono ulteriori sviluppi investigativi.

La sostanza stupefacente e le due pistole, verosimilmente nel tentativo di sfuggire al controllo, erano state occultate da Serreli nella camera da letto dell’anziana madre. L’uomo è stato arrestato e tradotto presso la casa circondariale di Cagliari.