Press "Enter" to skip to content

Blue tongue Assessore Sanità Arru: “situazione sotto controllo, rischio contagio al minimo. Solo 5 focolai rispetto ai 2.674 dello scorso anno. Effettuate 2 milioni e mezzo di vaccinazioni”.

"La blue tongue in Sardegna è sotto controllo, il rischio di malattia è in costante diminuzione ed è limitato a qualche area dove non si è ancora vaccinato. La situazione epidemiologica è dunque completamente diversa da quella dello scorso anno ed è sottoposta ad un monitoraggio continuo attraverso la sorveglianza clinica, sierologica ed entomologica".

L'assessore della Sanità Luigi Arru fa il bilancio, assolutamente positivo, della campagna di vaccinazione in corso. Al 5 settembre 2014 i focolai di blue tongue in Sardegna sono 5, di cui 4 in animali sentinella ( cioè in animali appositamente non vaccinati per verificare la circolazione del virus) e 1 solo con mortalità ( 11 ovini). L’anno scorso, al 5 settembre 2013 i focolai furono 2.674, con decine di migliaia di capi ovini ammalati e 6.426 capi morti. "Gli sforzi congiunti degli allevatori, dei veterinari delle Asl e dell’assessorato regionale alla sanità si stanno rivelando efficaci per il controllo della blue tongue", sottolinea l'Assessore.

"Le vaccinazioni nel 2014 sono stati ad oggi oltre due milioni e mezzo e la copertura immunitaria a seguito della vaccinazione interessa già oltre i 2/3 del patrimonio ovino regionale. In alcuni territori, come in Ogliastra e nella Provincia di Sassari la copertura vaccinale supera l’85%. Ricordiamo che il vaccino utilizzato è un vaccino spento - conclude Arru, invitando tutti gli allevatori a sottoporre i loro capi alla vaccinazione - Cioè un vaccino con virus inattivato, efficace, ma senza effetti collaterali apprezzabili".