Press "Enter" to skip to content

Calcio – Sintesi partite di serie B.

Il Sassuolo piega con il minimo sforzo (1-0) l'Ascoli e dopo il mezzo passo falso con il Vicenza torna al successo e consolida il primato in vetta alla classifica di serie B. Dietro, però, non molla il Livorno che resta a tre lunghezze di distanza ottenendo nel finale una preziosa vittoria a Crotone (1-2). Un gol negli ultimi minuti di Bojinov consente al Verona di vincere (1-0) lo scontro diretto col Bari e condannare i pugliesi al primo ko stagionale. Bene lo Spezia, che supera 1-0 la Reggina e si rilancia, sorprende la Ternana che passa (1-2) a Novara e si porta in zona play-off. Il Brescia non va oltre l'1-1 a Empoli e viene raggiunto dal Vicenza che batte in rimonta (2-1), e in pieno recupero, il Grosseto. Male il Padova, sconfitto 1-0 dalla Juve Stabia, buon punto (1-1) del Modena a Pescara con il Lanciano. Chiuderanno il programma i posticipi di lunedì Cittadella-Pro Vercelli (ore 19) e Cesena-Varese (ore 21).

Sassuolo-Ascoli 1-0 Il Sassuolo riscatta il mezzo passo falso con il Vicenza piegando di misura l'Ascoli. I neroverdi devono attendere il 33' per sbloccare il risultato: ci pensa Boakye che raccoglie un assist di Catellani e infila l'angolo con un preciso destro in diagonale dal limite. Lo stesso Boakye sbaglia, in un paio di circostanze il raddoppio, e rinfranca gli ospiti che nella ripresa sfiorano il almeno tre circostanze il pari con Fossati, Feczesin e Zaza.

Crotone-Livorno 1-2 Il Livorno passa nel finale a Crotone e resta a -3 dalla vetta. I calabresi sbagliano

una buona occasione in avvio con Gabionetta e vengono immediatamente puniti da Luci che, al 21', porta in vantaggio gli ospiti con un preciso sinistro in diagonale su corta respinta della difesa rossoblu. La gara resta equilibrata e, dopo un'occasione per parte (Maiello e Siligardi), arriva l'1-1, siglato al 39' da Gabionetta che raccoglie un lancio delle retrovie e insacca a porta vuota dopo aver saltato anche Mazzoni in uscita. Il match resta ricco di emozioni e capovolgimenti di fronte: il Crotone sfiora il 2-1 con Caetano (3) e Abruzzese, il Livorno manca il raddoppio con Dionisi (2), che colpisce anche una traversa, e Siligardi. Quando il pareggio sembra ormai inevitabile pensa proprio Siligardi a regalare i 3 punti ai labronici con un preciso sinistro a giro dai 12 mt dopo una bella azione personale.

Verona-bari 1-0 Un gol all'88' di Bojinov consente al Verona i conservare il 3° posto e piegare in extremis un battagliero Bari. Gara dai due volti al Bentegodi. Dominio scaligero nel primo tempo con Laner, Gomez, Rivas e Cacia che mancano di un nulla il bersaglio. Assolo biancorosso, invece, nella ripresa con Bellomo (2), Galano, Ceppitelli, Iunco e Caputo che fanno correre più di un brivido a Raffael. Proprio nel momento di maggior difficoltà il Verona riesce, invece, a conquistare i 3 punti grazie al subentrato Bojinov che si fa trovare pronto all'appuntamento di testa sul primo palo su un cross dalla destra di Cacciatore.

Spezia-Reggina 1-0 Dopo 3 sconfitte di fila, lo Spezia torna alla vittoria contro la Reggina e risale al 5° posto. I liguri rischiano grosso nel primo tempo contro una squadra spigliata che va vicinissima al vantaggio con Ceravolo, che colpisce un palo, e Fischnaller. Lo Spezia attende la ripresa per cambiare passo e passa al 55' con un perfetto colpo di testa di Sansovini su angolo dalla destra di Di Gennaro. Gli uomini di Dionigi si innervosiscono e a farne le spese è Armellino che, al 62', si fa espellere per somma di ammonizioni. Lo Spezia controlla e legittima il successo sfiorando per altre due volte il raddoppio con lo stesso Sansovini che centra anche una traversa.

Novara-Ternana 1-2 Una quadrata Ternana sorprende il Novara e infila il 3° successo consecutivo. Dopo un'occasione per parte (Pesce e Ragusa), sono gli umbri a sbloccare il risultato con una bella semirovesciata di Nolè su un angolo dalla destra. Il Novara reagisce con rabbia ma non riesce a raddrizzare la situazione con Gonzalez (2) e Pesce. E così consente, di rimessa, ai rossoverdi di raddoppiare (49') con Litteri, smarcato in area da Nolè. Gli azzurri cingono d'assedio gli ospiti e, dopo due traverse colpite da Rubino e Motta, riescono a ridurre le distanze (77') con un preciso sinistro nell'angolo dagli 11 mt di Gonzalez al termine di una bella azione personale. Il Novara insiste ma si crea una sola vera occasione per pareggiare, non concretizzata da Lisuzzo. Gli uomini di Tesser hanno chiuso la gara in 10 per l'espulsione di Alhassan al 94' per proteste.

Empoli-Brescia 1-1 Il Brescia non va oltre l'1-1 a Empoli e manca l'occasione di restare aggrappato alle prime. I lombardi sciupano una ghiotta occasione in avvio con Caracciolo e vengono subito (7') puniti da Maccarone che insacca da pochi passi raccogliendo un cross dalla sinistra di Cristiano. Il Brescia si rimbocca le maniche e al 19' pareggia con un destro da 25 mt di Lasik che sorprende un non impeccabile Dossena. Da quel momento in poi è un susseguirsi di emozioni anche se il risultato non cambia. Maccarone, che colpisce una traversa, Valdifiori e Mchedlidze sciupano le migliori occasioni per far tornare alla vittoria gli azzurri, Caracciolo (2), Salamon e Zambelli mancano 4 buone opportunità per consentire al Brescia di espugnare il Castellani. 

Vicenza-Grosseto 2-1 Con due gol in zona Cesarini, il Vicenza sorprende il Grosseto e si porta a ridosso della zona play-off. Dopo aver rischiato su una conclusione di Malonga, i maremmani passano (36') con un preciso colpo di testa di Sforzini su cross dalla destra di Lupoli. Il Vicenza stenta a rialzarsi e riesce a diventare incisivo solo con l'ingresso di Pinardi. L'ex trequartista del Modena mette lo zampino sull'1-1 colpendo il palo con un gran destro da fuori e consentendo a Plasmati di insaccare sulla respinta. Il Vicenza ci crede e al 94' (trattenuta di Iorio su Plasmati) si procura il rigore del 2-1 trasformato proprio da Pinardi.

Juve Stabia-Padova 1-0 Il Padova scivola a Castellammare e torna di nuovo nel limbo di metà classifica. Dopo una traversa di Cuffa e un paio di occasioni fallite dai campani con Erpen e Mbakogu ecco l'episodio che cambia la partita: al 24' Anania si fa ingenuamente espellere per proteste e lascia il Padova in 10. La Juve Stabia si rimbocca le maniche e, dopo una traversa di Mezavilla ed un altro paio di occasioni fallite di poco, trova il gol-vittoria con Mbakogu che batte il subentrato Silvestri con un preciso colpo di testa nell'angolo su lancio di Genevier.

Virtus Lanciano-Modena 1-1 Il Modena strappa un buon punto a Pescara con il Lanciano e resta in scia del treno play-off. A rompere l'equilibrio pensa al 26' Mammarella con un preciso calcio di punizione a giro sotto l'incrocio dal limite. Il Modena reagisce solo dopo essere rimasto in superiorità numerica per l'espulsione (41') di Vastola per somma di ammonizioni. E dopo un'occasione fallita da Lazarevic, pareggia (48') con un preciso pallonetto di destro da fuori area di Signori. I canarini insistono e, nel finale, mancano di un soffio il gol-vittoria con Ardemagni che non centra la porta da due passi, solo davanti a Leali.