Press "Enter" to skip to content

Vertenza entrate, il vice presidente del Consiglio regionale Michele Cossa: “Una buona notizia per la Sardegna. Ma se non si modifica il patto stabilità avremo un’Alcoa moltiplicata per mille”

"Una buona notizia che ci stimola a proseguire nella vertenza con lo Stato, ma non di certo la conclusione della battaglia per rianimare l'economia della Sardegna". Lo dice il vice presidente del Consiglio regionale e coordinatore regionale dei Riformatori sardi, Michele Cossa, commentando la decisione del governo Monti si inserire nella legge di assestamento di bilancio 1,383 miliardi di euro per il pregresso del 2010, 2011 e 2012.

"Il problema più grosso resta quello del patto di stabilità, vera strozzatura per la nostra economia. Blocca gli investimenti e ritarda il pagamento dei debiti della regione e degli enti regionali verso le imprese, costrette a licenziare e portate sull'orlo del fallimento. Al confronto di quello che succede alla imprese d'appalto anche l'Alcoa e' una piccola cosa". Su questo punto, centrale per la sopravvivenza dell'Isola, conclude Cossa, "dobbiamo andare fino in fondo, senza fare sconti a nessuno".