Press "Enter" to skip to content

In tanti a Stintino per “vivere intensamente la notte bianca”: Musiche e spettacoli per le vie del paese coinvolgono un pubblico numeroso.

Musiche dell’Africa che si mescolano con quelle del CentroAmerica, che si uniscono alle canzoni rock, al soul e funk e poi si fondono coni suoni e le melodie della musica sarda. E ancora uno spazio dedicato all’arte,alle attività per i bambini e alla degustazioni di prodotti locali.

È stata questa la Notte bianca di Stintino che sabato (4agosto) ha visto le vie del paese animarsi sino a notte fonda.

Da via Sassari sino ad arrivare al lungomare CristoforoColombo, muovendosi anche attraverso le vie adiacenti per assistere a tutti glispettacoli della quarta edizione della manifestazione voluta dall’assessoratocomunale al Turismo, diretto da Angelo Schiaffino, in collaborazione con la ProLoco, il “Centro commerciale naturale Mannu e Minori Stintino” e con ilcoordinamento organizzativo dell’associazione “Menestrello” di Sassari.

A dare il via agli spettacoli sono stati i gruppi sardi “SosCorriolos de Neoneli” e “S’Urtzu e Sonaggios de Ortueri”. Con i loro movimenti,le loro danze hanno catturato l’attenzione del numeroso pubblico presente e,con il loro coinvolgimento, lo hanno “trasportato” per le vie del paese.

I palchi allestiti nei punti cruciali del percorso, lungo ilquale si è sviluppata “Una notte a Stintino”, hanno consentito una adeguatafruizione dei vari spettacoli.

A partire dalla via principale, il pubblico ha incontrato iKuryndiaye, con i loro ritmi africani tribali, afro-beat, soul, salsa.

In largo Cala d’Oliva l’Elfo’s band ha animato la serata conmusica live. Il gruppo ha spaziato dal soul, funk e r&b, riproponendo coverdi Aretha Franklin, Janis Joplin, Stevie Wonder.

Sul lungomare, all’altezza della vecchia darsena hannodominato i suoni della musica rock-blues, reggae e dance. A esibirsi c’erano i PuroMalto.

Di fronte al faro ha primeggiato la musica latino americana,salsa, merengue, bachata al son cubano con l’Orquestra Cuba Libre. Ancoramusica latino-americana all’altezza del bar-ristorante Lu Fanali con Los Tres,al bar L’Ormeggio musica con gli Zeppara, mentre al Di Bolina una selezionemusicale con DJ.

Non sono mancati gli appuntamenti anche per i più piccoli. Inpiazza Berlinguer si è esibita la Compagine teatrale Ouroboros incollaborazione con “Ilfilodeldiscorso” e “Tricirco”: uno spettacolo diintrattenimento di arti varie, con la bizzarra famiglia Vavelocic, formata dabislacchi e stravaganti personalità che hanno dato sfoggio delle loroscoppiettanti abilità riso-terapeutiche.

Su via Sassari è stata allestita una scenografia floreale acura della fioraia del paese, mentre il supermercato Nonna Isa ha proposto unadegustazione di prodotti tipici sardi così come il negozio “Lu Magasinu” .Ilristorante La Darsena invece ha proposto una degustazioni di vini e salumi.

“I suoni, la musica e i balli hanno fatto da sottofondo allemostre al Centro culturale Warner (ore 19-24) con “Flessioni”, del giovaneartista Alessandro Pintus, quindi nella palestra di via Frecce Tricolori (dalle18,30 alle 24), con la mostra malacologica “Conchiglie del Golfo dell’Asinaradi Alfredo Camoglio”. Com