Press "Enter" to skip to content

Domani al Teatro di Nora in programma il Balletto dell’Esperia nella quarta e ultima tappa del suo tour

Domani alle 21,30 al Teatro Romano di Nora, Pula, andrà in scena il Balletto dell’Esperia nella quarta e ultima tappa del suo tour che l'ha visto percorrere da nord a sud tutta la Sardegna. Come di consueto questo spettacolo consisterà in un significativo “The Best of” frutto di una accurata selezione delle migliori performance artistiche della Compagnia. Troverà quindi spazio “La Morte del Cigno” (2002) per la coreografia di Thierry Malandain, con musiche di Camille Saint-Saens e luci di Jean Claude Asquié, estratti de “i quattro temperamenti” (2010) per la coreografia di Paolo Mohovich, con musiche di Paul Hindemith, ancora estratti di “Bach Eclat” per la coreografia sempre di Paolo Mohovich il quale in questa esibizione è curatore anche di luci e costumi. Le musiche sono necessariamente di Johann Sebastian Bach. L’ultimo estratto della selezione inserita nello spettacolo si chiama “Strange News”, con la coreografia di Paolo Mohovich e musiche di Blur.

Questo evento è inserito nella programmazione del 30° Festival de "La Notte dei Poeti", a cura del Comune di Pula e del Cedac Sardegna.

Il Galà di Danza del Balletto dell’Esperia è uno spettacolo all’insegna della varietà di stili coreografici e musicali, in cui vengono proposti estratti dalle produzioni di maggior successo creati negli anni da Paolo Mohovichproprio per il Balletto dell’Esperia, a cui si aggiunge una prestigiosa coreografia firmata da Thierry Malandain, direttore del Malandain Ballet Biarritz.

I brani, uniti dal comune denominatore di una spiccata musicalità, sono tutti caratterizzati da una forte implicazione tanto tecnica quanto interpretativa, e mettono in luce la versatilità stilistica dei danzatori della compagnia.

E’ fondamentale l’apporto della musica, vera e propria colonna sonora dei brani, che divengono tutt’uno con le diverse partiture e ne sposano la ricchezza compositiva grazie ad una danza che privilegia il movimento, la plasticità, ma anche l’importanza del singolo gesto. Com