Press "Enter" to skip to content

Ppr, Cappellacci: riaffermare principio che il paesaggio è patrimonio di tutti i sardi

"Dobbiamo riaffermare il principio che il paesaggio é patrimonio di tutti i Sardi". Così il presidente della regione, Ugo Cappellacci, ha introdotto in Consiglio Regionale l'illustrazione delle linee guida del nuovo Piano Paesaggistico Regionale. Al centro dell'intervento del presidente la necessità di salvaguardare e valorizzare la storia e l'identità dell'isola e del popolo sardo, che deve essere un motore di sviluppo e di crescita, nel rispetto dei valori, della bellezza e dell'unicità della terra sarda.

"Questo obiettivo alto - ha aggiunto Cappellacci - deve essere fonte di coesione e non di divisione, perché stiamo parlando del bene più prezioso che abbiamo: il territorio dell’Isola di Sardegna. Su questo dobbiamo costruire la nostra crescita e lo sviluppo futuro, con l’ottica di guardare al bene delle generazioni future, ma anche al superamento di una crisi che, oggi, toglie speranza e visione del domani, soprattutto ai giovani che non riescono ad individuare e percorrere una prospettiva di vita coerente con le proprie aspettative e desideri.

Tale fine - ha evidenziato il presidente - può essere perseguito attraverso la disposizione di regole efficaci e abbandonando un approccio statico. Il nuovo piano - prosegue il presidente - dovrà altresì tenere conto delle nuove politiche energetiche orientate alla green economy, alla protezione dell'ambiente in linea con gli orientamenti europei e con gli accordi stipulati dalla nota isola a livello comunitario.

Il paesaggio dell’Isola è di tutti i sardi e in esso il popolo sardo si riconosce e si unisce. Dividerci su questo - ha concluso Cappellacci - significa non riuscire a capire e rispondere alla volontà del popolo sardo". Com