Press "Enter" to skip to content

Credito: confcommercio Sardegna, bene adesione regione ad accordo con Abi

“Bene l’adesione della Regione Sardegna e, in particolare, dell’Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio, all’accordo per nuove misure per il credito alle Pmi”. Così Gavino Sini, presidente di Confcommercio Sardegna, commenta gli sviluppi dell’intesa sottoscritta dai Ministeri dell’Economia e dello Sviluppo economico, dall’Abi e dalle Associazioni imprenditoriali nello scorso febbraio.

Grazie all’accordo, anche le piccole e medie imprese isolane del Commercio, del Turismo e dell’Artigianato potranno fruire delle agevolazioni previste dal citato Accordo, consistenti nella sospensione ed allungamento dei tempi di pagamento di mutui e leasing, contratti in base alle leggi regionali n. 40/93, per interventi a sostegno dell’industria alberghiera e n. 9/2002, a favore delle piccole e medie imprese del Commercio e Centri Commerciali Naturali, oltre a quelli riferibili alle altre leggi regionali sull’Artigianato.

“Nonostante sia una risposta parziale e limitata rispetto alle effettive esigenze creditizie dei settori del commercio e del turismo – sottolinea il presidente Sini – è comunque positivo che gli operatori del comparto sentano la Regione Sardegna e, in particolare l’Assessorato del Commercio, Turismo ed Artigianato e l’assessorato della Programmazione, anche tramite la Sfirs, vicini ed attivi nella ricerca di interventi diretti alle imprese ed in quelli di supporto alla insostituibile funzione che stanno svolgendo i Consorzi Fidi del Commercio e degli altri settori produttivi, oggi più che mai fondamentali nell’agevolare il rapporto tra Banca ed Impresa”.

Ma secondo Gavino Sini, il peggioramento della situazione finanziaria delle imprese, l’indebolimento della capacità di spesa delle famiglie, la contrazione negli arrivi e presenze turistiche (testimoniati anche dal recente Rapporto della Banca d’Italia sull’economia sarda) esige rapidità e cambio di passo nella definizione di un efficace sistema di incentivazione e sostegno alle imprese, da tempo rivendicato dalla Confcommercio e dalle altre Organizzazioni imprenditoriali e della cooperazione, per arginare il tracollo del nostro tessuto produttivo”.