Press "Enter" to skip to content

Regione-imprese – Cappellacci, azioni condivise su vertenza Sardegna e documento Vallermosa

"Abbiamo consegnato al Governo l'"Atu de intima" per il conseguimento delle somme dovute  alla Sardegna". Con un aggiornamento sulla Vertenza Sardegna il presidente Ugo Cappellacci  ha aperto a Villa Devoto l'incontro Regione-Organizzazioni datoriali. Dopo aver ripercorso gli ultimi sviluppi conflittuali del confronto con lo Stato, il presidente della Regione ha ribadito la necessità di un'azione condivisa con la classe dirigente regionale, registrando una piena disponibilità da parte delle Associazioni degli imprenditori a valutare insieme le iniziative, anche eclatanti, da adottare nei confronti del Governo nazionale alla scadenza dei 30 giorni dell’atto di diffida e messa in mora del Governo
Il Presidente ha anche fatto il punto sui percorsi avviati in seguito all’accordo siglato al termine della due giorni di Vallermosa.

“E’ stata approvata – ha dichiarato Cappellacci- una prima graduatoria per le opere cantieriabili, pari a € 45.493.463,84 che coinvolgerà un centinaio di Comuni della Sardegna che nei prossimi giorni riceveranno l’anticipazione delle somme per l’avvio dei cantieri; entro pochi mesi la graduatoria verrà fatta scorrere e saranno impegnate somme complessive per € 108.767.295,72 a favore dei Comuni, che potranno così beneficiare di una importante iniezione di risorse a favore del tessuto produttivo dei diversi territori.  Inoltre – ha aggiunto  - con l’ultima finanziaria, come concordato con gli imprenditori a Vallermosa,  sono stati stanziati 9 milioni di euro per l'abbattimento degli interessi per operazioni di PMI regionali garantite dai Confidi ed assicurati agli stessi Confidi per i loro fondi di garanzia, anche per il 2012, 7 milioni di euro e 20 milioni di euro per il 2013 ed il 2014. In materia di accesso al credito, il Presidente ha sottolineato che è pienamente operativo il fondo di garanzia istituito presso la SFIRS che ha già approvato interventi di concessione di garanzie dirette alle imprese per circa 50 milioni di euro.

Nel contempo la Giunta regionale, ha ricordato il Presidente alle Associazioni degli imprenditori, ha approvato e si appresta a sottoscriverlo lo schema di protocollo d’intesa Regione - Cassa Depositi e Prestiti per l’attivazione a favore delle PMI di un fondo rotativo che, in fase di prima applicazione, renderà disponibili circa 65 milioni di euro finalizzati alla concessione di finanziamenti agevolati per investimenti e attività di ricerca. E’, inoltre, in via di approvazione la delibera per il recepimento della intesa sottoscritta dal Governo, dall'ABI e dalle Associazioni imprenditoriali per nuove misure per il credito alle PMI che consentirà anche alle imprese sarde in difficoltà di sospendere o allungare i tempi di restituzione delle rate dei mutui contratti per investimenti a valere sulle leggi di settore regionali.

Il governatore ha poi annunciato l'intenzione di recuperare i fondi della L.R. 36 per destinarle all'incentivazione delle assunzioni a tempo indeterminato. "Stiamo facendo ogni sforzo possibile per contenere gli effetti della crisi e creare nuove opportunità di sviluppo e allo stesso tempo contribuire ad abbattere i costi di lavoro per le nostre imprese, consapevoli che serve un cambio di passo della pubblica amministrazione.  Andiamo avanti nello spirito di Vallermosa - ha concluso Cappellacci  - con la ferma volontà di accelerare i procedimenti affinché l’istituzione Regione sia concretamente accanto alle imprese in una fase particolarmente critica per l’economia”.

Il 14 giugno è stato già fissato il prossimo incontro che consentirà, come concordato a Vallermosa, di definire i contenuti del DDL sulla competitività e lo sviluppo e rendere operativo il fondo anti-crisi per le imprese. Com

More from ARCHIVIOMore posts in ARCHIVIO »