Press "Enter" to skip to content

GdF Comando Provinciale Sassari – Bilancio stagione estiva positivo.

Si tirano le somme al Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Sassari: bilancio positivo per le fiamme gialle del Nord Sardegna che, nel corso della stagione estiva appena conclusa, hanno lavorato raggiungendo ottimi risultati in tutti i settori per la tutela della legalità fiscale, dell’economia e per il contrasto al traffico di sostanze stupefacenti.

In materia di stupefacenti, il dato che salta all'occhio è sicuramente il sequestro di droga avvenuto a fine settembre nelle acque algheresi: sono stati trovati dai militari infatti oltre 500 chili di cocaina a bordo di una barca a vela. L'operazione rientra tra le primissime mai operate in tutta Europa.

In relazione all'evasione fiscale, ammontano a quasi 10 milioni gli euro evasi in materia di Iva negli ultimi quattro mesi dell’anno, mentre in materia di imposte sul reddito si parla di oltre 26 milioni. Nel mese di agosto le fiamme gialle hanno poi sequestrato un immobile del valore di oltre 200.000 euro di proprietà di un imprenditore. Al fine di tutelare la pretesa dell’Erario sino al termine dei vari stadi del procedimento, l’immobile resterà sotto sequestro e potrà essere confiscato dallo Stato qualora vengano confermate le evasioni constatate.

Ammontano invece a quasi 2mila i controlli sul corretto rilascio di ricevute e scontrini fiscali effettuati nei 120 giorni estivi (dal primo giugno al 30 settembre). Di questi, oltre 300 le irregolarità riscontrate con una percentuale che si attesta intorno 15%. Non passano inosservati neanche i risultati sugli affitti cosiddetti "in nero": su 20 controlli effettuati, ben 16 hanno consentito di rilevare irregolarità con la constatazione di un’evasione pari a oltre 35.000 euro.

Numerose anche le attività di contrasto alla vendita di oggetti con marchi contraffatti portate avvanti dai finanzieri nelle spiagge, mentre nei locali pubblici è stata controllata la regolarità dell’installazione dei vari giochi a premi online. In tre distinte operazioni sono stati sequestrati sette apparecchi tra quelli illeciti e quelli che non erano collegati alla rete telematica dei Monopoli di Stato, non garantendo quindi le percentuali di vincita previste né l’introito erariale per lo Stato.

Quasi 70 gli interventi effettuati circa il "Collegato lavoro" nei confronti di cantieri, imprese edili, esercizi commerciali e luoghi di ristorazione: ben 74 i lavoratori "in nero" o impiegati in maniera irregolare.