Press "Enter" to skip to content

Viaggia in taxi con 10 chili di hashish, arrestato dai carabinieri

Ieri sera, Marco Crescenzo, di 28 anni, è stato trovato in possesso di mentre, con circa dieci chilogrammi di hashish, viaggiava come passeggero di un taxi.

Il giovane è stato fermato durante un’operazione finalizzata al controllo della circolazione stradale con obiettivo particolare rivolto proprio al contrasto degli eventuali trasporti a pagamento abusivi. E proprio durante uno di questi controlli, nel caso specifico ad un taxi risultato perfettamente regolare, è stato individuato l’arrestato. Questi, infatti, alla richiesta dei documenti e chiesto di mostrare quale bagaglio avesse con se, il giovane ha palesato in maniera evidente preoccupazione. Il particolare timore è sorto proprio quando i militari hanno visto i suoi due pacchi riposti nel portabagagli del taxi di cui era passeggero.

I militari quindi alla vista delle due scatole di cartone, giunte in Sardegna all’indirizzo di Crescenzo, tramite una nota società che esercita il servizio di corriere, le hanno aperte e dentro vi hanno trovato dei generi alimentari. E tra questi ad attirate maggiormente l’attenzione degli uomini dell’Arma sono stati sei confezioni in tetrapak di succo di frutta.

Uno dei carabinieri in servizio ne ha quindi toccato uno e questo invece che essere morbido per il liquido di solito contenuto, era invece rigido. Infatti, appena uno dei cartoncini è stato a sua volta aperto si è scoperto che era pieno di panetti di hashish, così come gli altri cinque. Al termine della pesatura, lo stupefacente è risultato essere pari a dieci chilogrammi circa.

Tutto il materiale è stato sequestrato, mentre il giovane è stato tratto in arresto con l’accusa di traffico di stupefacenti.