Press "Enter" to skip to content

Arrestati a Quartu S.E. due pregiudicati per oltraggio, minaccia e resistenza a Pubblico Ufficiale, nonché interruzione di pubblico servizio in concorso con altri due

Il personale del Commissariato di Ps di Quartu Sant’Elena hanno arrestato Giorgio Portas, di 51 anni e Giovanni Portas, di 20 anni, entrambi venditori ambulanti e con precedenti penali.

Alle ore 11.00 di questa mattina personale del Commissariato di PS Quartu Sant’Elena unitamente a quello della locale Polizia Municipale hanno effettuato un servizio finalizzato al contrasto dell’abusivismo commerciale su area pubblica, in particolare su una bancarella posta in Via Fiume e gestita dalla famiglia Portas, padre e figlio.

Il servizio, disposto dal Dirigente del Commissariato di P.S., si rendeva necessario in quanto gli stessi, già noti agli agenti per i numerosi precedenti penali relativi agli stupefacenti e reati contro il patrimonio, risultavano essere titolari solo di licenza ambulante per la vendita di frutta e verdura ma, di fatto, stazionavano in maniera fissa nell’area sottoposta controllo. I due, si sono resi protagonisti di atti intimidatori nei confronti dei passanti, che per timore di ritorsione non hanno mai denunciato gli episodi. Inoltre il servizio in questione era stato concordato con il locale Commissariato anche al fine di prevenire disordini che si sono presentati ogniqualvolta si è cercato di procedere nei confronti dei Portas.

Durante il controllo, nel contestare le infrazioni amministrative, sono stati informati che la polizia municipale doveva procedere al sequestro della merce, dei banchi e degli ombrelloni. A questo punto Giorgio Portas, ha rivoltato verso il marciapiede i banconi  sui quali era esposta la merce, consistente in quintali di angurie, meloni, pesche ed altra frutta, che di conseguenza cadevano violentemente sul suolo.

Durante queste fasi però il padre si è avvicinato minacciosamente al comandante della Polizia Municipale che, intervenuto personalmente, è stato raggiunto e fatto oggetto di frasi violente ed ingiuriose anche da parte del figlio Giovanni, che giunto poco dopo, ha incitato il genitore a gettare in mezzo alla strada il resto della merce costringendo gli agenti a bloccare la circolazione in ambo i sensi di marcia della centralissima Via Fiume.

A fianco dei due pregiudicati hanno preso parte attivamente anche due loro collaboratori, Sergio Sainas e Francesco Pinna, denunciati poi in stato di libertà per i medesimi reati.

Nel frattempo, avendo visto che la situazione stava degenerando, i vigili hanno chiesto l’aiuto alla Polizia di Stato e con l’intervento degli agenti del Commissariato è stata riportata la calma ed i quattro venivano tutti accompagnati presso il Commissariato.

La viabilità della strada veniva riparta alle ore 13:30 circa mentre i due Porta sono stati trattenuti nelle camere sicurezza in attesa della convalida dell’arresto.

 

Alberto Scanu confermato presidente dell’associazione industriali  province della Sardegna meridionale –Confindustria per il biennio 2011-2013.