Press "Enter" to skip to content

Erika Di Crescenzo e la giovane danza contemporanea da domani al T. Off

È un fine settimana all'insegna della nuova danza contemporanea quello proposto dall'associazione Tersicorea di Simonetta Pusceddu e che inizia domani, venerdì 3 giugno, allo spazio T.Off di via Sauro 6 a Cagliari con la prima di Erika di Crescenzo. Prodotto dalla compagnia torinese La Bagarre, "Etude pour la Sainteté" è nato durante la residenza presso la Fondation Royaumont di  Parigi grazie alla borsa di studio del Festival Insoliti di Torino, ed è stato vincitore del concorso Cortoindanza 2010 per la migliore coreografia. Lo spettacolo sarà presentato per la prima volta a Cagliari nella sua forma completa prima di debuttare in Francia.

Nei giorni successivi, il 4 e 5 giugno, il T.Off presenterà l'esito di Cortoindanza 2011, una delle poche vetrine in Italia per la giovane danza contemporanea, che prevede la messa in scena delle dieci opere coreografiche inedite o in fase di costruzione, dal vivo e in forma breve, di coreografi under 35 chiamati e incoraggiati a dare compiutezza e sintesi alla loro ricerca artistica.

Domenica 5 giugno sarà replicato lo spettacolo di Simonetta Pusceddu "Rock me Mr. Hamlet" - Percorsi al femminile. Tutti gli appuntamenti sono alle ore 21.00.

In"Etude pour la Sainteté" la femminilità, luogo storicamente e culturalmente dominato dagli imperativi del maschile, è in opposizione con se stessa e con la sua altra metà che la brama e l'aspetta al varco. Con il suo Dio che la contempla solo se sottomessa. È un viaggio nel femminile che attraversa la nostra storia senza indugi. Un corpo supplicante, esitante ed impedito, che sfiora la follia, si offre a un dio, passando attraverso l'entusiasmo, l'epifania, il sacrificio, la sessualità. Con questo monologo corporale e verbale aperto all'inventiva, Erika di Crescenzo ruota intorno all'essenzialità. Alle spalle del pubblico, il sax baritono di John Menoud; luci di Gianni Melis al servizio dell'ombra, quasi che il loro scopo sia quello di non svelare troppo. Red

More from ARCHIVIOMore posts in ARCHIVIO »