Press "Enter" to skip to content

Invalidità civile – Il Presidente del CIV Inps, Abbadessa: “Uno specifico Piano di interventi per realizzare un’effettiva semplificazione dell’intero procedimento concessorio”.

 Nel corso della seduta del 25 gennaio, il Consiglio di Indirizzo e Vigilanza dell'Inps è intervenuto sul tema dell'invalidità civile approvando, in concomitanza con l'esame dei primi dati statistici relativi all'anno 2010, una specifica delibera di indirizzi rivolta agli Organi di gestione dell'Istituto.

 

Il presidente del CIV dell'Inps, Guido Abbadessa, ha dichiarato: "Al di là dei freddi numeri, c’è la precisa consapevolezza da parte di tutte le componenti dell'Istituto che dietro ogni domanda esiste una persona, oltretutto una persona che si trova in un momento di particolare fragilità e le cui problematiche il più delle volte vanno oltre, perché in qualche modo si estendono anche ai familiari".

 

"Inoltre - continua il Presidente del CIV - ad una prima rilevazione, appare che i tempi di conclusione dei procedimenti siano superiori ai 120 giorni previsti dalla legge e comunque diversificati a seconda delle diverse realtà  territoriali. Occorre evidenziare peraltro che, negli ultimi mesi, le problematiche e le criticità collegate alla tematica dell'invalidità civile risultano sempre più presenti sugli organi di informazione e che, nel contempo, si sono moltiplicate puntuali prese di posizione da parte dei Comitati territoriali dell'Istituto. Tutto ciò considerato – ed in attesa di dati più completi sull'intera attività svolta nell’anno 2010 - il CIV ha inteso impegnare gli Organi di gestione dell'Istituto ad affrontare con rinnovato impegno tale delicata materia, attraverso uno specifico Piano di interventi, per realizzare una effettiva semplificazione dell'intero procedimento concessorio".

 

"E' di tutta evidenza – ha aggiunto Guido Abbadessa - che si debba pervenire ad una riduzione dei tempi complessivi di conclusione dei procedimenti, con l’obiettivo di rispettare e ridurre i termini fissati dalla legge, vale a dire 120 giorni per la definizione della totalità delle pratiche e la definizione immediata per i malati oncologici, premesso che per questi ultimi  è prevista la chiamata a visita entro i 15 giorni dalla domanda. Così come è di tutta evidenza l'importanza della costante partecipazione dei medici dell’Istituto a tutte le Commissioni mediche ASL in qualità di membri effettivi".

 

Nella deliberazione del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza viene sottolineato anche il particolare impegno cui è chiamato l'Istituto verso l'obiettivo dell'omogeneità e della trasparenza dei giudizi sanitari su tutto il territorio nazionale, da raggiungere anche e soprattutto con la definizione di criteri di verifica che non risultino ripetitivi e defatiganti per gli interessati. In tal senso il Consiglio condivide pienamente le finalità previste dalla legge, compresa l'adozione della modalità telematica che consente alle Amministrazioni interessate di dialogare tra di loro, e con i cittadini, avendo cura di eliminare o limitare al massimo i disagi di  questi ultimi.

 

L'Inps è impegnato inoltre nel perfezionare i rapporti con le Asl adottando iniziative utili a migliorare la funzionalità delle procedure operative in tutto l'iter amministrativo e sanitario per la definizione delle pratiche di riconoscimento dell'invalidità civile che attengono ai diritti di cittadinanza di una così vasta fascia di popolazione e che peraltro vede interessate anche altre Amministrazioni. Com.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: Content is protected !!