Informativa a Montecitorio Coronavirus, Conte in Aula. Intervengono big e capigruppo

Conte infotiva alla Camera dei Deputati

Roma, 25 Mar 2020 – In Aula parla Giuseppe Conte. È la prima volta da quando è scoppiata l’emergenza coronavirus. E per l’occasione ‘scendono in campo’ big e capigruppo. È iniziata alle 18, nell’Aula della Camera, l’informativa urgente del presidente del Consiglio sull’emergenza da Covid-19.

Ogni gruppo – la cui presenza nell’emiciclo è stata ridotta a un sesto dei deputati per garantire la distanza di sicurezza – avrà a disposizione 10 minuti di tempo per il dibattito successivo al discorso del premier. Nell’elenco ufficiale degli interventi previsti, figurano alcuni big e quasi tutti i capigruppo, fatta eccezione per la Lega, che ha affidato l’intervento a Guido Guidesi, il primo deputato in quarantena quando Codogno fu dichiarata zona rossa, mentre per Fratelli d’Italia interverrà la presidente, Giorgia Meloni.

“La diffusione” del coronavirus “ha innescato una crisi senza precedenti”, c’è un impatto negativo sull’intero sistema produttivo, “sono giorni terribili. È un dolore che si rinnova costantemente. Non avremmo mai pensato guardare immagini con file piene di bare cariche di nostri concittadini. Ai familiari” delle vittime del virus “va la nostra vicinanza” ha detto il premier Giuseppe Conte. “Voglio ringraziare” tutti i medici e gli infermieri che stanno lavorando in prima linea, ha aggiunto il presidente del Consiglio.

Il premier Conte anche sulla sua pagina Facebook ha trasmesso la diretta del suo intervento alla Camera.

“Il Governo – ha aggiunto il capo dell’Esecutivo – ha agito con la massima determinazione e con assoluta speditezza” fin dall’inizio dell’emergenza Coronavirus. Conte ha rimarcato che il Governo ha adottato “misure di precauzione già dal 22 gennaio, ben prima che l’Oms decretasse il Coronavirus emergenza di salute pubblica”.

“Il governo –  ha dichiarato il premier – è consapevole che la pandemia è non solo una complessa sfida sul piano sanitario ma richiede una significativa risposta economica a livello nazionale, europeo e mondiale. Per questa ragione da subito abbiamo preso provvedimenti economici volti a tutelare lavoratori e imprese”.

“Stiamo lavorando per incrementare il sostegno alla liquidità e al credito che già, con il decreto “Cura Italia” già adottato, è in grado di mobilitare la cifra di 350 miliardi di euro. Con il nuovo intervento normativo, a cui stiamo già lavorando, confidiamo di pervenire a uno strumento complessivo altrettanto significativo rispetto a quanto sin qui operato. Interverremo anche con stanziamenti aggiuntivi di non minore importo rispetto ai 25 miliardi già stanziati con il primo decreto”.

“Tuteleremo gli interessi strategici. I più preziosi asset del Paese vanno protetti con ogni mezzo” – ha detto Conte – il governo lo farà “attraverso il provvedimento che stiamo predisponendo per aprile”.

“L’Italia sta lavorando alla creazione di strumenti di debito comune dell’eurozona”, ha aggiunto il presidente del Consiglio parlando alla Camera.

Condividi su...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com