Giovane ventenne gallurese avrebbe droga una ragazzina di 13 anni e poi ha avuto un rapporto sessuale quando la 13enne era in stato confusionale

Arrestato dai carabinieri per violenza sessuale e detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio.

Controlli notturni dei carabinieri di Siniscola

 

Olbia, 13 Feb 2020 – Un ragazzo gallurese di 20 anni, è stato arrestato dai carabinieri del Reparto Territoriale di Olbia con l’accusa di violenza sessuale nei fonti di una minorenne e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

La ragazzina è stata sentito più volte dagli investigatori dell’Arma che hanno anche sequestrato il suo cellulare e quello del giovane finito in manette.

Secondo quanto è stato possibile accertare, sembra che i ragazzi era una coppia all’insaputa dei genitori della minore che una volta venuti a conoscenza del fatto abbiano fatto scattare l’allarme quando questi, preoccupati dal fatto che la figlia si fosse allontanata da casa a loro insaputa, hanno contattato i carabinieri.

Dopo una breve ricerca è stata rintracciata in una strada del paesino gallurese in stato confusionale e una volta presa in consegna i militari l’hanno accompagnata in ospedale dove – sottoposta a diversi test – è risultata positiva alla cocaina.

In seguito, la ragazzina, una volta ripresasi dai postumi della droga, ha deciso di raccontare tutto e ha detto che dopo aver assunto la droga, avrebbe avuto un rapporto sessuale con il giovane.

A questo punto il personale dell’Arma gallurese si è diretto a casa del ventenne dove lo hanno dichiarato in arresto. In casa i carabinieri hanno anche trovati decine di grammi di cocaina.

Sul fatto rimane comunque uno stretto riserbo vista anche la minore età della ragazzina.

Condividi su...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com