Coronavirus, in 130 contagiati sulla Diamond Princess. Oltre 900 morti in Cina

Coronavirus_i morti sono gia' oltre 900

Cina, 10 Feb 2020 – Circa altre 60 persone fra passeggeri e personale a bordo della nave da crociera Diamond Princess al largo di Yokohama (vicino a Tokyo) sono risultati positivi al nuovo coronavirus di origine cinese, lo scrivono oggi i media giapponesi. Questo numero aggiuntivo porta a circa 130 il numero totale di individui infetti sulla nave da crociera, che ora è in quarantena.

La sontuosa nave è arrivata una settimana fa al porto di Yokohama, a sud-ovest di Tokyo, trasportando circa 3.700 passeggeri e membri d’equipaggio. Prima che fossero noti i 60 nuovi casi, circa 100 dei passeggeri e dell’equipaggio erano già stati ricoverati in ospedale, mentre i restanti 3.600, per lo più anziani di varie nazionalità, sono ancora in quarantena a bordo. Il periodo di quarantena potrebbe durare fino al 19 febbraio.

I test sono stati inizialmente limitati alle persone che hanno mostrato sintomi o che sono venute a contatto con un passeggero che era precedentemente sbarcato a Hong Kong e che è stato trovato come portatore del virus. In seguito sono stati estesi alle persone vulnerabili a bordo, comprese le persone che erano state a contatto con i nuovi casi di infezione. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha invitato il Giappone ad adottare tutte le misure necessarie per accompagnare i passeggeri della Diamond Princess confinati a bordo, comprese le misure di supporto psicologico.

Intanto con 97 nuovi decessi è salito a 908 morti il bilancio dell’epidemia di coronavirus in Cina. Lo ha reso noto la Commissione sanitaria nazionale cinese nel suo bollettino quotidiano, precisando che si registrano 3.062 nuovi casi confermati e 4.008 sospetti. Secondo le autorità cinesi, 296 persone sono in condizioni gravi mentre 632 sono state dimesse dagli ospedali. I casi confermati in Cina dallo scoppio dell’epidemia sono 40.171.

“Speriamo che l’Italia possa valutare la situazione in modo obiettivo, razionale e basato sulla scienza, rispettare le raccomandazioni autorevoli e professionali dell’Oms e astenersi dall’adottare misure eccessive”. Così, nel briefing online con i media, il portavoce del ministero degli Esteri, Geng Shuang, ad una domanda su possibili incomprensioni tra Italia e Cina sulla chiusura dei voli diretti decisa da Roma. “Dopo lo scoppio dell’epidemia, la Cina ha adottato le misure di prevenzione e controllo più complete e rigorose, molte delle quali superano di gran lunga le raccomandazioni dell’Oms e ciò che il Regolamento sanitario internazionale ha richiesto”, ha aggiunto Geng. L’Organizzazione mondiale della sanità “ha ripetutamente affermato che non raccomanda di imporre restrizioni sui viaggi e sul commercio alla Cina”. Inoltre, ha aggiunto Geng, “abbiamo anche visto che in questi giorni molti personaggi politici e amici di ogni estrazione sociale in Italia hanno espresso il loro sostegno agli sforzi della Cina contro l’epidemia, che continuerà a rafforzare la sua cooperazione con l’Oms e altri Paesi, tra cui l’Italia, in modo aperto e trasparente modi per affrontare congiuntamente l’epidemia e salvaguardare la sicurezza sanitaria regionale e globale”.

È partita per la Cina una squadra di esperti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, guidata dall’epidemiologo canadese Bruce Aylward, esperto di emergenze dell’organizzazione sanitaria delle Nazioni Unite. Lo riferisce su Twitter da Ginevra il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, che avverte sull’importanza di contenere il virus.

“La diffusione del virus fuori della Cina sembra essere lenta per ora, ma potrebbe accelerare”, ha scandito il dirigente dell’Oms. “Il contenimento rimane il nostro obiettivo, ma tutti i Paesi devono usare la finestra di opportunità creata dalla strategia di contenimento per prepararsi per il possibile arrivo del virus”.

Oggi il governo britannico ha definito il nuovo coronavirus una “minaccia seria e imminente per la salute pubblica” e ha annunciato misure per proteggere la gente. “L’incidenza o la trasmissione del nuovo coronavirus rappresenta una minaccia seria e imminente per la salute pubblica”, ha dichiarato il ministero della Salute in una dichiarazione, spiegando di aver adottato misure per “ritardare o prevenire ulteriori trasmissioni del virus”.

“La coppia di cittadini cinesi provenienti dalla città di Wuhan, positivi al test del nuovo coronavirus, è tuttora ricoverata in terapia intensiva. Le loro condizioni cliniche sono stazionarie, con parametri emodinamici stabili”. Così il bollettino medico diramato oggi dallo Spallanzani. Che poi precisa: “Continua il trattamento antivirale. La prognosi è tuttora riservata”. “Sono stati valutati, ad oggi, presso la nostra accettazione 53 pazienti sottoposti al test per la ricerca del nuovo coronavirus. Di questi, 38 risultati negativi al test, sono stati dimessi”. Così lo Spallanzani nel suo bollettino quotidiano. “Quindici pazienti sono tuttora ricoverati – è spiegato – 3 sono casi confermati (la coppia cinese attualmente in terapia intensiva ed il giovane proveniente dal sito della Cecchignola), 10 sono pazienti sottoposti a test per la ricerca del nuovo coronavirus in attesa di risultato, 2 sono pazienti che, risultati negativi al test per nuovo coronavirus, rimangono comunque ricoverati per altri motivi clinici”. Il giovane italiano tornato da Wuhan e trasferito giorni fa dalla struttura dedicata della Citta’ Militare della Cecchignola allo Spallanzani con infezione confermata da nuovo coronavirus, “è in buone condizioni generali e senza febbre. Il paziente continua la terapia antivirale”. Lo riferisce il bollettino medico di oggi.

Il Campionato mondiale di golf femminile HSBC, in programma a Singapore dal 27 febbraio al 1 marzo, è stato annullato, con gli organizzatori che citano “continue preoccupazioni per la salute”. La Ladies Professional Golf Association (LPGA) ha dichiarato in una nota: “La salute e la sicurezza delle nostre giocatrici, dei nostri tifosi e di tutti coloro che lavorano all’evento è sempre la nostra massima priorità”.

Anche il torneo Honda LPGA Thailand 2020 previsto per il 20-23 febbraio sarà annullato, la LPGA ha aggiunto. Il Ministero della Salute di Singapore ha annunciato venerdì che tutti gli eventi su larga scala dovrebbero essere cancellati o rinviati a seguito dell’aumento del livello di allarme Dorscon (Disease Outbreak Response System Condition) per il codice arancione, il secondo livello più alto.

Condividi su...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com