Tentato omicidio in via Newton a Cagliari: eseguita dalla Polizia di Stato una ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Arrestato autore del tentato omicidio in via Newton

Cagliari, 31 Gen 2020 – Questa mattina, gli agenti della Seconda Sezione della Squadra Mobile della Questura di Cagliari ha eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere per il reato di tentato omicidio e porto illegale di arma impropria nei confronti di Simone Picciau, di 28 anni, di Cagliari, precedenti per reati in materia di stupefacenti, resistenza, lesioni e rissa.

L’attività investigativa ha consentito di acclarare la responsabilità del giovane in relazione al grave ferimento compiuto il 22 dicembre dello scorso anno, all’esterno di una nota discoteca di Cagliari, in via Newton dove l’arrestato ferì con un coltello, all’altezza dell’addome, un altro pregiudicato, perforandogli l’intestino, ferita non letale, solo perché la lama del coltello si era fermato a pochi millimetri dall’aorta.

L’attività investigativa degli investigatori della Mobile cagliaritana si è fondata in particolare sulla acquisizione minuziosa delle immagini da alcuni sistemi di videosorveglianza presenti nei pressi della discoteca, sulla escussione di alcuni testimoni e su una intensa attività tecnica.

Dall’attività investigativa è emerso un rapporto di conoscenza fra la vittima e l’aggressore ed una assoluta mancanza di collaborazione della vittima che con la sua testimonianza ha tentato, anzi, di fuorviare gli organi inquirenti.

Ma nonostante questo gli agenti hanno ricostruito le fasi antecedenti al grave ferimento, ritenendo che vittima ed aggressore prima di recarsi in discoteca si erano recati insieme ad un incontro di pugilato, per poi dirigersi presso il locale notturno. Nel corso della serata prima all’interno della discoteca, e dopo all’esterno, è nata la violenta lite fra il Picciau ed il suo conoscente, lite che in un primo momento era stata sedata per riprendere una mezz’oretta dopo, quando il 28enne con un violento fendente ha colpito il suo amico all’addome, allontanandosi immediatamente dopo.

Le successive attività tecniche hanno testimoniato e confermato la violenta lite di cui il Picciau era stato attore principale.

Quindi nelle prime ore di questa mattina il sospettato è stato rintracciato nei pressi della sua abitazione e successivamente condotto presso il carcere di Uta.

Condividi su...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com