Sport e Benessere – Pyramid Set – Rubrica a cura del Dottor Andrea Melis

Andrea Melis ultima foto

Cagliari, 6 OTT 2019 – Chiudiamo questa settimana la serie di articoli incentrati sull’ alta intensità, oggi è la volta della tecnica Piramidale.
Parliamo di una tecnica dalle molteplici varianti e un punto in comune, cioè il miglioramento dei parametri allenanti attraverso la manipolazione, serie per serie, del numero di ripetizioni e/o del carico ( Sia in senso crescente che in senso decrescente ).
Mi sembra opportuno chiarire una cosa.
Molte volte nelle palestre abbiamo assistito alla creazione di schede con il classico ” 12-10-8-6-4″ per fare un esempio veloce, con l’ obbiettivo di incrementare la nostra forza
Massimale e l’ Ipertrofia, questo schema più propriamente viene definito e andrebbe definito ” Ladder ” cioè Scala , piuttosto che Piramidale.
Memori di questo un Piramidale consta di un’andata e di un ritorno ( 12-10-8-6-4-6-8-10-12 oppure 4-6-8-10-12-10-8-6-4) e di un obbiettivo.
Vediamo di soffermarci sull’ ipertrofia.
Vediamo di soffermarci sul corpo libero inserendo esercizi come Push Ups, Pull Ups, Chin Ups, Jump Squat, Jump Lunges e perché no Sit Ups e Tipologie di crunch come quello inverso.
Vediamo di considerare il tutto anche nell’ ottica più ampia dei sovraccarichi classici che troviamo in palestra grazie a Bilancieri, Manubri , macchine isotoniche.
Il piramidale ci darà la possibilità di migliorare il nostro volume di lavoro, l’intensità di carico e la densità sistemica e locale, può essere un ottimo alleato per migliorare la forza massimale e resistente, può essere un ottimo alleato per farci uscire da momenti di stallo.
Un esempio classico può essere nel corpo libero un piramidale del tipo 1-2-3-4-5-4-3-2-1 reps da utilizzare per le trazioni alla sbarra oppure per i Push Ups con l’obbiettivo di macinare più volume e più T.U.T.
Può essere considerato un lavoro interessante e variegato un piramidale del tipo 5-10-15-10-5 reps con l’intento di dare uno stimolo al nostro corpo all’interno di un continuum che si articola sulla forza, l’ ipertrofia e la resistenza muscolare.
Le possibilità sono molteplici e sono ben conscio che non può bastare un articolo a rendere onore a questa modalità che opportunamente programmata può a pieni diritti essere considerata una delle più valide per l’allenamento ad alta intensità. A.M.

Condividi su...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com