Imprenditore di Tertenia truffato dai due calabrese: denunciati dai carabinieri della Stazione del paese

carabinieri nuoro impegnati per le truffe on line

Tertenia (Nu), 8 Nov 2018 – I carabinieri della Stazione di Tertenia, al termine di mirate indagini scaturite dalla querela di un imprenditore ogliastrino, hanno denunciato per il reato di truffa in concorso alla Procura della Repubblica di Lanusei due giovani calabresi pregiudicati per reati simili.

I truffatori, con raggiri, hanno indotto l’imprenditore, in distinte occasioni e su diversi conti correnti bancari, ad eseguire dei versamenti la somma complessiva di 4.500 euro, dietro la promessa di consegnare un escavatore usato. Il tutto ha avuto origine, quando su un noto sito internet era stato inserito l’annuncio in vendita del mezzo edile con le relative foto.

Dopo il primo contatto telefonico, il potenziale fornitore era riuscito ad ottenere la fiducia del suo interlocutore rendendosi disponibile a recapitare il veicolo di persona non appena si sarebbe concluso l’accordo. Poi con la scusa della presenza di altri acquirenti interessati al prodotto, anche per accelerare la compravendita, si è fatto consegnare una caparra come promessa di impegno per il potenziale acquisto.

Il raggiro architettato dai due è proseguito nei giorni seguenti con una messinscena ben orchestrata. Infatti, con scuse molto credibili, sono riusciti ad ottenere altre somme di denaro utili, a loro dire, per la spedizione del veicolo ed il pagamento delle pratiche del passaggio di proprietà. L’ignaro acquirente, nel momento in cui ha visto che l’escavatore non arrivava e le richieste di nuovi pagamento diventavano sempre più assillanti, si è rivolto alla locale Stazione Carabinieri per denunciare quanto accaduto.

In seguito dall’analisi di quanto riferito, si è subito percepito che si era di fronte ad un sistema di truffa più complessa ed evoluta rispetto a quelle a cui si è chiamati ad assistere ogni giorno con gli annunci fasulli sul web. In questo caso ci si è trovati difronte ad un gruppo ben organizzato e collaudato che intrattenevano con le ignare vittime dei rapporti telefonici ed epistolari frequenti.

L’attività d’indagine ha permesso di ricostruire nel dettaglio gli artifizi utilizzati e di raccogliere a carico dei tre responsabili gravi indizi di colpevolezza.

Condividi su...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com