E Salvini la spunta anche sulla riforma della prescrizione, i pentastellati ormai messi sotto su tutto: solo per alcuni e a partire tra due anni dopo approvazione riforma processo penale.

chigi

Roma, 8 Nov 2017 – Fumata bianca al vertice a Palazzo Chigi sul nodo della riforma della prescrizione. Alla riunione hanno partecipato il premier Giuseppe Conte e i due vice Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Presente anche il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede.

Abbiamo trovato l’accordo, la norma sulla prescrizione è nel ddl Anticorruzione e andrà in aula la prossima settimana”. Così il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede all’uscita dal summit. “Resta lo stop della prescrizione dopo la sentenza di primo grado, entrerà in vigore con la riforma del processo penale il prossimo anno”, spiega. “Contemporaneamente verrà scritta una legge-delega” per la riforma del processo penale.

“La mediazione è stata positiva, accordo trovato in mezz’ora. Voglio tempi brevi per i processi. In galera i colpevoli, libertà per innocenti”, dice Salvini. “La norma sulla prescrizione sarà nel ddl ma entra in vigore da gennaio del 2020 quando sarà approvata la riforma del processo penale. La legge delega, che scadrà a dicembre del 2019, sarà all’esame del Senato la prossima settimana”.

“Ottime notizie. Basta impuniti. La norma sulla prescrizione sarà nel disegno di legge anticorruzione. Ed entro l’anno prossimo faremo anche una riforma del processo penale. Processi brevi e con tempi certi. Finalmente le cose cambiano davvero”, scrive su Facebook Di Maio.

“Ci sarà una legge delega che entro il dicembre 2019 stabilirà tempi certi per la durata dei processi: non c’è chi ha perso o chi ha vinto, ma piena sintonia. Noi abbiamo chiesto sempre un collegamento tra prescrizione e durata certa dei processi. E cosi è”, dice il ministro della Pubblica amministrazione Giulia Bongiorno.

Condividi su...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com