Maltempo – Burrasche di vento in tutta Italia: Nel crotonese un uomo cade dal tetto scoperchiato dal vento e muore.

bufere di vento in tutta Italia_un morto nel crotonese

Roma, 17 Gen 2018 – Il forte vento che ha investito l’Italia ha provocato una vittima a Mesoraca, nel Crotonese, dove un uomo è morto cadendo dal tetto di un edificio. Era salito per verificare i danni provocati dal vento che aveva scoperchiato l’abitazione del fratello. L’uomo è stato trasportato all’ospedale di Catanzaro, ma è morto poco prima dell’arrivo.

Venti burrascosi con raffiche di oltre 100 chilometri sul Mar Tirreno e le isole maggiori, e onde alte fino a 5-6 metri sul Mar Tirreno e sul Mare di Corsica e Sardegna: sono gli effetti di una perturbazione che sta attraversando le Alpi e domani si dirigerà velocemente verso il Sud Italia. Forti i disagi per i collegamenti marittimi e per il traffico stradale e ferroviario. E nelle città è pericolo caduta alberi: due finora i feriti a Roma.

Incidente a causa del maltempo questa mattina intorno alle 12 nel quartiere romano di Acilia: a causa del forte vento che spazza la capitale un albero è crollato sopra un’automobile in transito. Ferito il conducente che è stato trasportato all’Ospedale Grassi di Ostia, risulta in codice rosso. E stava entrando in auto la donna rimasta lievemente ferita dal crollo di un albero, in via Manlio Gelsomini, a Roma. L’albero, cadendo, ha danneggiato cinque auto parcheggiate. La donna è stata medicata sul posto, dove sono intervenuti gli agenti della municipale per la gestione della viabilità. La strada, infatti, è stata chiusa anche al transito pedonale. Il forte vento ha provocato la caduta di un grosso albero anche a Fregene su via Ortona. La circolazione sulla strada è stata interrotta poiché l’albero ha invaso tutta la sede della carreggiata. Per fortuna, non ci sono state conseguenze a persone o auto.

Il nord della Sardegna è spazzato da venti impetuosi da ponente, con raffiche che superano i 100 chilometri orari. Il maltempo causa qualche disagio nei collegamenti marittimi. Fermi da ieri sera i collegamenti tra Santa Teresa Gallura e Bonifacio, il traghetto “Nuraghes” della Tirrenia che avrebbe dovuto salpare da Genova, ieri sera, alla volta di Porto Torres è partito solo stamani ed è stato dirottato a Olbia. Il vento, secondo le previsioni, dovrebbe attenuarsi leggermente nelle prossime ore, passando da ponente a maestrale. Restano critiche le condizioni sulle Bocche di Bonifacio, dove il mare dovrebbe passare da agitato a molto agitato. Regolare, al momento, l’attività dell’aeroporto Costa Smeralda. A Olbia, vigili del fuoco impegnati da stamani per far fronte a innumerevoli chiamate, in particolare per i danni causati dal vento a coperture, tetti e infissi delle abitazioni. Allo stato, non si registrano feriti.

A causa del forte vento a Cagliari il Comune ha disposto la chiusura, in via precauzionale, di parchi, giardini recintati e cimiteri. I siti verranno riaperti con il miglioramento delle condizioni meteo.

La forte bufera di vento che si è abbattuta su Nuoro sta creando danni e disagi. Decine gli interventi dei Vigili del fuoco per mettere in sicurezza cartelli pubblicitari e stradali divelti, plafoniere dell’illuminazione pubblica precipitate al suolo, alberi pericolanti, cornicioni e porzioni di intonaco caduti sull’asfalto.

Disagi e danni a causa delle forti raffiche di vento che stanno interessando la città di Benevento e la provincia. Alberi sradicati, lamiere e insegne divelte dal maltempo e pali della Telecom abbattuti sono solo alcuni degli interventi sui quali sono impegnati da ore i vigili del fuoco. In città i pompieri stanno al lavoro a causa di un albero caduto sulla facciata di un edificio all’interno di un parco residenziale.  Il forte vento ha spezzato anche un grosso ramo facendolo volare lungo la strada e creando disagi alla circolazione all’altezza dell’incrocio con via Avellino.

Circolazione sospesa stamani dalle 8 alle 9.40 sulla linea ferroviaria Tirrenica tra Rosignano e Campiglia a causa del forte vento. Le raffiche hanno fatto volare diversi materiali sulla linea di alimentazione elettrica tra Bolgheri e San Vincenzo danneggiandola. Alle 9.40 la circolazione è ripresa a senso alternato su un solo binario. Alle 11.25, una volta terminati gli interventi di ripristino effettuati dai tecnici di Rfi, è ripresa anche sul secondo. I disagi hanno coinvolto tre treni della lunga percorrenza e quattro regionali, che hanno accumulato ritardi fra 40 e 140 minuti. Nove treni regionali sono stati invece cancellati interamente o per parte del loro percorso. Per garantire la mobilità è stato attivato un servizio sostitutivo con 13 autobus fra le stazioni di Grosseto e Livorno.

A causa del vento forte in quota sono chiusi molti impianti sciistici in Valle d’Aosta. Nel Monterosa Ski, il comprensorio principale è off limits dalle 10, mentre sono aperte alcune piste in altre località (come Antagnod e Brusson). Impianti fermi anche a Cervinia e Valtournanche, mentre a Pila sono aperti esclusivamente i ‘baby’. A La Thuile sono operativi solo gli impianti della parte bassa e a Courmayeur si scia soltanto a Dolonne e Chiecco. Il maltempo ha causato la caduta di diversi alberi sul territorio regionale.

La settimana, precisano i meteorologi, “proseguirà all’insegna di notevoli sbalzi termici: nel fine settimana, infatti, correnti fredde da nord torneranno protagoniste, con un nuovo calo termico e precipitazioni sul medio Adriatico e al Sud, nevose a quote collinari al Centro”.

Condividi su...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com