Calcio – Sintesi partite di serie A

L’Inter sorride anche senza giocare (il match di Parma è stato rinviato per la neve): i cugini rossoneri non riescono ad imporsi sul Livorno e vengono agganciati al secondo posto dalla Roma che, in extremis, acciuffa la vittoria sul Siena sempre più ultimo, grazie ad un colpo di tacco di Okaka. In attesa, stasera, della ‘primà di Zaccheroni sulla panchina della Juventus contro la Lazio, l’attenzione era su quel che poteva accadere a Genova in Sampdoria-Atalanta, dopo il caso Cassano della vigilia: Delneri, fischiato all’inizio dai tifosi, ha potuto tirare un sospiro di sollievo quando Palombo prima, e Pazzini, poi hanno chiuso i conti con l’Atalanta. Infine, la Fiorentina: senza Mutu ha ritrovato Jovetic protagonista.

Cagliari-Fiorentina 2-2 – Pronti via, Jovetic cerca di non far rimpiangere Mutu ed offre a Marchionni un assist che non può sbagliare. Il Cagliari incassa, e pian piano reagisce fino al guizzo di Lazzari, nel finale del primo tempo che rimette il match in pari. Il riposo non aiuta i viola e, al primo tentativo, Astori supera Frey con un preciso colpo di testa. A questo punto reagisce la Fiorentina, ed è ancora Jovetic protagonista: suo il colpo del pari.

Catania-Udinese 1-1 – Mihajlovic aveva annunciato l’obiettivo, “superare l’Udinese”. Più facile a dirsi che a farsi, visto che i friulani sono parsi in palla, e pronti a sfruttare le occasioni come quella di Floro Flores nel finale di tempo. La ripresa ha un solo leit motiv, con i siciliani in avanti sebbene l’Udinese manchi in almeno due occasioni il raddoppio. Ci vuole però mezz’ora di attesa, prima che Biagianti trovi il sinistro giusto contro tempo. 

Chievo-Bologna 1-1  – Il Bologna di Colomba è davvero un cliente ostico, di questi tempi. Se n’è accorto anche il Chievo, soprattutto quando Di Vaio ha bruciato la difesa gialloblù portando in vantaggio gli emiliani. Il Chievo cambia marcia nella ripresa, e Pellissier trova il varco vincente.

Milan-Livorno 1-1 – I toscani si difendono meglio di quel che Leonardo potesse immaginare ma, quando tutti si preparano all’intervallo, è Ambrosini a sfruttare un incertezza in uscita di Benussi. Sembrerebbe fatta per il Milan, per chi non conosce Cosmi e le sue squadre: il Livorno non ha timori reverenziali e affonda in avanti, fino a quando a Lucarelli riesce la deviazione vincente. I toscani lamentano anche un tocco di mano di Beckham in area, ma l’arbitro non vede.

Parma-Inter rinviata

Roma-Siena 2-1 – C’è un mancino che non vuole fermarsi più: è Riise. Trova un gol bellissimo con un diagonale da ricordare. Però la prodezza viene vanificata da Vergassola, il più lesto a ribattere in rete una deviazione di Julio Sergio. Sembrano inutili, nei secondi ’45, tutti i tentativi giallorossi di riportarsi in vantaggio. Fino all’incredibile colpo di tacco finale di Okaka, un gesto di gran classe che regala la vittoria alla Roma.

Sampdoria-Atalanta 2-0 – Priva di Cassano, la Samp non dà segni di timidezza: il primo vantaggio è di Palombo, bravo a indovinare l’angolo dalla distanza. Più bravo Semioli a rubar palla a Bellini ed offrire a Pazzini il tocco sotto porta. Nella ripresa l’Atalanta spreca un paio di occasioni ed il risultato non cambia più.

Bari-Palermo 4-2 (giocata ieri) – Gol e spettacolo tra Bari e Palermo. Parte subito forte il Bari che dopo sei minuti si è portato in vantaggio di due gol. Reagisce il Palermo che con Cavani e Pastore si riporta in parità. la partita si decide all’11 del secondo tempo con l’espulsione di Liverani per doppia ammonizione. Il Bari ne approfitta e con Barreto e Koman chiude la partita

Napoli-Genoa 0-0 (giocata ieri) – Poche emozioni e qualche recriminazione del Napoli per un fallo in area su Quagliarella e un fallo di mano sempre in area del Genoa che l’arbitro ha deciso di non punire con il calcio di rigore.

Condividi su...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com